menu

01 gennaio 2021

Pianificare un follow-up commerciale automatico


Per molti imprenditori del web, il piano di un follow-up di e-mail marketing automatico continua ad essere un mistero.
 
Ed anche tu non sai che pesci pigliare.

Non sei mai stato cosi’ vicino alle porte dl successo on-line, ma questo, nonostante tutto, continua ad essere un sogno.

Evidentemente c’e’ ancora qualcosa che manca nei tuoi contenuti di marketing on-line.

Potresti certamente affermare, e non sarai smentito da alcuno, di avere un blog o un sito esteticamente attraenti, che sei molto attivo sui social media network, che i tuoi contenuti sono scritti secondo le piu’ classiche strategie di copyright, oltra ad essere realmente interessanti per i tuoi lettori ed avere dei contenuti di qualita’.

Hai persino un elevato traffico di visitatori sul tuo sito, ben posizionato nei motori di ricerca piu’ importanti e per chiavi di ricerca ben targettizzate.

Tuttavia la tua lista non cresce a ritmi soddisfacenti.

Inoltre il tuo sito, come e’ risaputo ormai da tutti, non puo’ da solo realizzare le vendite che ti sei prefissato, e comunque tanti sforzi non stanno approdando a nulla.

Non sai che strada prendere.

Forse hai in mano la chiave per affrontare la situazione ma sei veramente titubante se e quando utilizzarla.

Ma la strada che dovrai affrontare non e’ lontana!

Basta seguire dei semplici passi.

E non contare sugli altri, devi farcela da solo!

Altrimenti continuerai ad essere in balia dell’indecisione.

Devi affrontare la situazione ed anche sbagliare come hanno fatto tutti quelli a cui stai chiedendo consigli, e che per orgoglio non ti diranno mai quali errori abbiano commesso.

Vediamo allora di affrontare passo per passo tutto quello che c’e’ da fare per migliorare.

In primo luogo devi creare il contenuto dei tuoi messaggi e-mail.

Ma non chiedermi la fatidica domanda: ”Perche’ dovrei creare dei contenuti prima ancora di avere una lista targettizzata con cui comunicare?”

Se pensi che la gente, subito dopo aver visto il tuo sito, ti mandi dei messaggi per avere informazioni, in modo da suggerirti gia’ a priori quello che dovrai scrivere, sei veramente un illuso!

La realta’ e’ ben diversa, non sono i visitatori che ti devono prendere per mano, ma sei tu, con i tuoi contenuti che devi prendere l’iniziativa ed educare i tuoi contatti!

Inoltre i dovrai creare i tuoi contenuti prima di avere una lista, proprio perche’ e’ necessario colpire tutti coloro che mostreranno interesse al tuoi sito, mediante una processo che avrai attivato e che affronto adesso.

Il primo passo da affrontare e’ quello di inserire un software autoresponder nel tuo sistema on-line.

Ce ne sono di tutte le fogge, come avrai visto in queste pagine, ma presto entrero’ nei dettagli di quelli che io ritengo siano i software autoresponder professionali, migliori in assoluto, come quelli che offrono servizi esterni di e-mail marketing, e che si prestano perfettamente per affrontare la situazione, evitandoti di passare sotto le forche caudine di server poco efficienti e/o con assistenza quasi nulla, e persino di evitarti i guai di dover installare un software self hosted.

Puoi partire a creare i tuoi messaggi secondo un piano di follow-up marketing on line ben preciso, ed avrai sicuramente esaminato in questo sito che cosa sia il follow-up marketing on line.

In questo piano dovrai creare almeno 5 messaggi successivi, impostati in una sequenza ben precisa.

I contenuti possono avere un contenuto di questo genere, e cioe’ una serie composta da un primo messaggio introduttivo, e poi tre messaggi, che affrontano tre diversi problemi, o tre messaggi che affrontano gradualmente un problema specifico, e poi un messaggio finale che sia letto con interesse da un buon numero di iscritti perche’ risolve finalmente i problemi proposti, con l’offerta finale del tuo prodotto e/o servizio.

In tal modo avrai finalmente l’opportunita’ di creare un vasto gruppo di persone iscritte che seguiranno i tuoi consigli.

Una volta completata la serie avrai 5 messaggi che finiranno nella casella di posta elettronica dei tuoi iscritti, e non dovrai piu’ scrivere nessun messaggio aggiuntivo.

Secondo passo: fai in modo che l’iscrizione sia facile!

Cioe’ ogni tua richiesta di azione fatta al tuo potenziale iscritto deve essere realmente chiara e semplice quanto imperativa, facile da compiere, senza perderti in inutili parole di gentilezza, che dimostrerebbero, al contrario, il tuo timore di perdere il loro favore!

Alla tua schietta e chiara richiesta dovra’ corrispondere un comportamento positivo del visitatore.

La richiesta piu’ importante che dovrai fare sara’ quella di iscriversi ed in cambio tu darai un corso, o un omaggio in pdf, con contenuti omogenei all’oggetto del follow-up di messaggi, o che descriva piu’ sinteticamente il problema che andrai ad affrontare in modo piu’ approfondito con i messaggi, il cui scopo e’ poi quello di reindirizzare l’iscritto all’acquisto del prodotto e/o servizio che risolve definitivamente il problema del tuo target.

Nota bene che qualsiasi sia l’oggetto dell’omaggio, dovra’ avere dei contenuti interessanti e di qualita’, perche’ non c’e’ nulla di piu’ dannoso di un omaggio con contenuti scarni o poco interessanti.
Ricorda sempre che la gente va su internet principalmente per avere informazioni e non per acquistare, e che la regola del “A caval donato non si guarda in bocca”, in internet non funziona assolutamente.

Oltre all’omaggio dovrai solo inserire un modulo di iscrizione in varie pagine del tuo sito.

E se non hai alcun bisogno di un web designer, oppure sei stai gia’ creando il tuo primo blog, potrai benissimo impostare il modulo di iscrizione con il tuo software ed inserirlo all’interno delle pagine, o nei widget della sidebar del blog, magari creato con un tema per WordPress, o altrimenti ti spieghero' piu' avanti come potrai fare la stessa cosa con Blogger di Google, perche' anche questa piattaforma gratuita sta diventando un ottimo punto di partenza per programmatori che vogliano creare form di iscrizione a follow-up e newsletter.
Ed io stesso approfittero' di tale opportunita', dopo aver buttato via migliaia di euro in sistemi fallimentari e ladri di tempo e di danaro!

Con il software autoresponder professionale potrai sincronizzare i moduli di iscrizione, in modo da inviare ogni messaggio nei tempi che avrai anticipatamente regolato, con le impostazioni del software stesso.

E potrai inviare automaticamente i messaggi a tutti i nuovi iscritti, catturando con facilita’ i loro dati, e poi anche tenere traccia delle iscrizioni e delle loro azioni, secondo le impostazioni che avrai predeterminato.

Terzo passo: imposta i tuoi messaggi

Una volta che avrai impostato questo sistema, il passo successivo da compiere e’ quello di creare degli ottimi contenuti da inserire nei messaggi, in modo da ottenere il massimo dei risultati, perche’ avrai soddisfatto l’interesse dei tuoi iscritti.

Ed allo scopo dovrai seguire queste linee guida:

– Inserisci nell’oggetto del messaggio una frase che descriva in modo specifico il problema che andrai a risolvere, e, a volte scegli la strada del paradosso contrario al modo di risolvere il problema: un trucco che ti rendera’ piu’ visibile, nella selva di messaggi che affollano la casella del destinatario.

– Crea un’intestazione del messaggio che sia coerente con l’oggetto del medesimo.

– Personalizza il messaggio con i dati degli iscritti, sia nell’oggetto che nell’intestazione, e poi non menzionare piu’ il nome dell’iscritto.

– Di ai tuoi iscritti chi sei e di che cosa stai parlando nel messaggio e perche’ risolvera’ il problema e questo ti garantisco che portera’ l’interesse del lettore al massimo livello di interesse.

– Se non si tratta dei contenuti di un corso, sviluppato su piu’ di 5 messaggi, che magari e’ ancora troppo presto per essere presentato perche’ non sei molto conosciuto (potrai benissimo presentarlo piu’ avanti, quando avrai una ben piu’ ampia audience), qui devi scrivere dei messaggi brevi e concreti, devi dare l’immagine di essere uno che arriva subito al punto del discorso.

Infatti i tuoi lettori non ti conoscono ancora e quindi non vogliono affrontare la lettura di lunghi messaggi.

Inoltre con messaggi troppo lunghi, anche se utili, il rischio sempre latente e’ quello che il lettore pensi che quello che scrivi sia interessante, ma che andra’ a leggerlo piu’ tardi quando avra’ piu’ tempo…ma poi, nella realta’ succede proprio che non solo il messaggio non viene letto ma poi viene anche cancellato.

Cio’ ovviamente da un lato non significa che il tuo contenuto debba essere ultra breve, ma dall’altro potresti creare comunque un messaggio corto che contenga un link ad una pagina inserita nel tuo sito o ad un contenuto in pdf messo on line.

Percio’ la soluzione ottimale e’ quella di inserire l’intero contenuto che vuoi presentare ai lettore sul tuo sito web.
Quando il lettore clicca sul link per leggere l’intero messaggio egli sara’ condotto sulla pagina del tuo sito, dove trovera’ l’intero articolo che avrai in precedenza pubblicato.

Questo ti aiutera’ a scrivere messaggi semplici e brevi e quindi trovera’ gli iscritti ben disposti a leggerli subito, ed al contempo il tuo sito avra’ il beneficio di ricevere ulteriori visite, alla stregua di un reale strumento esterno di search engine optimization.

In tal modo potrai coniugare in un magico mix, la promozione della tua immagine come problem solver ed il beneficio di essere cercato nei risultati organici dei motori di ricerca, con l’effetto di migliorare il posizionamento dei tuoi interessanti contenuti nelle classifiche.

Quarto passo: il messaggio finale

Dopo aver dato ai tuoi iscritti dei contenuti utili e di qualita’ su come risolvere il loro problema hai ancora un’opportunita’ di conquistarli con un regalo finale.

In questo modo potrai avere degli ulteriori risultati positivi ed i tuoi lettori saranno ancora piu’ entusiasti di essere iscritti alla tua lista.

Non dovrai fare altro che creare con il software professionale un altro autoresponder, con una differente serie di messaggi in follow-up, dando in omaggio e/o offrendo in vendita e-book o altri prodotti digitali, che i tuoi iscritti non vedranno l’ora di scaricare e/o acquistare e poi leggere!

Nel messaggio finale ringrazia ancora i lettori per la loro iscrizione (come avrai gia’ fatto con il primo messaggio) alla lista.

Nei 3 messaggi precedenti avrai invitato i lettori ad inviarti il loro feedback!

Quindi con il quinto ed ultimo messaggio proverai ad invitarli, impostando una specie di sondaggio di opinione, a comunicarti quello che vorrebbero ricevere in offerta quale ulteriore prodotto e/o servizio.

Dovrebbe sembrare come se tu gli stessi suggerendo in maniera schietta e semplice: “Adesso che hai risolto quel problema, quale altro dilemma vorresti affrontare?”

Infine

Dopo aver completato questi 4 passi fondamentali, potrai anche dedicarti alla creazione di un altro autoresponder per una lista totalmente diversa, potrai andartene in vacanza o passare il qualche tempo a gozzovigliare!

Infatti il tuo sistema di e-mailing impostato con un autoresponder professionale, lavorera’ come un pilota automatico, risolvendo il problema dell’iscritto, massimizzando gli effetti del tuo lavoro di search engine optimization, incrementando il numero degli iscritti alla tua lista, ed avrai iniziato anche a pianificare, con l’aiuto degli stessi iscritti, la creazione del prodotto e/o servizio, che essi vorranno acquistare da te.

Ulteriori conseguenze

Se quanto desiderato dai tuoi iscritti rientra nella tua competenza e nella tua passione, potrai creare il prodotto e/o servizio desiderato senza problemi.

Altrimenti procederai all’acquisto dei diritti di un PLR, cio’ contenuti con diritto di marchio privato, creati da altri.

I contenuti a marchio si riferiscono a prodotti audio, video o scritti che è possibile modificare in base alle proprie esigenze e necessita’.

Potrai acquistare dei prodotti a marchio privato, limitandoti, senza sforzi ulteriori, ad inserire il tuo nome come autore ed eventualmente a modificare quanto sia necessario.

Puoi utilizzare il contenuto per qualsiasi cosa tu voglia fare (purché rientri nei limiti della licenza) ad esempio, puoi utilizzare i prodotti come bonus, puoi estrarre il contenuto e creare degli articoli, puoi percio’ utilizzarli per creare un tuo prodotto da vendere proprio nel caso in cui tu non sappia proprio cosa scrivere in relazione ad un dato argomento, proposto ed atteso dai tuoi iscritti.

Se non riesci a trovare nulla che faccia al tuo caso, e magari conosci qualcuno che sia esperto della materia, ma che non sappia nulla di web marketing e computer, potrai pur sempre collaborare con lui fifty/fifty.

E-mail Marketing, grafica e target

In questo articolo esamino quali siano gli elementi più importanti nella struttura della grafica affinche’ le tue strategie di email marketing abbiano successo.

Hai ben chiaro quale sia lo scopo delle tue strategie di branding attraverso l’email marketing?

Ad esempio potrebbe benissimo darsi che tu non abbia ancora inserito degli elemento che ti mettano più facilmente in relazione con i tuoi utenti.

Se stai inviando una newsletter od una serie di messaggi che abbiano contenuti interessanti, ma che siano previsti per mettere i tuoi iscritti in una maggiore relazione con il tuo brand, allora non hai bisogno alcuno di adoperare delle analisi approfondite di statistica riguardanti i clic che indirizzano alle pagine del tuo sito web ed il tasso di conversione in clienti.

Tuttavia terrai conto dei seguenti elementi:
* la verifica del tasso di apertura dei tuoi messaggi in modo da avere la certezza che l’oggetto deln messaggio ed il suo contenuto stano stati creati tn modo tale che il messaggio stesso raggiunga la casella di posta elettronica del destinatario anziche’ la cartella dello spam;
* la valutazione delle richieste di cancellazione e di lamentele per spam, in relazione ai tuoi contenuti, al loro posizionamento nel messaggio, come, ad esempio, una posizione del link di cancellazione troppo lontana, sul fondo del messaggio, rispetto al corpo, alla formattazione del messaggio ed alla frequenza di invio;
* non dover preoccuparti più di tanto della visibilita’ dei link, del numero dei link, o dell’utilizzo massiccio di immagini.
Percio’ se il proposito del tuo messaggio è solo quello di porre in essere un’attivita’ di branding, hai la possibilita’ di una maggiore liberta’ nell’inserimento dei tuoi contenuti.

Se invece lo scopo dei tuoi messaggi fosse quello do portare maggiore traffico al tuo sito web?

Infatti e’ altrettanto possibile che il tuo modello di business non sia basato sulla vendita di prodotti e/o servizi, ma piuttosto sul numero di clic che il tuo sito riesca ad ottenere.

Per esempio se tu vendi pubblicita’ sul tuo sito, attraverso le impression ottenute dagli annunci che avrai inserito, le tue entrate saranno generate dal numero di visualizzazioni realizzate dalle pagine del tuo sito.

Ciò significa che lo scopo dei tuoi messaggi o della tua newsletter e’ quello di ottenere piu’ clic possibili dal contenuto del tuo messaggio al tuo sito web.

Se perciò il tuo scopo è proprio quello di ottenere clic e visualizzazioni del tuo sito web, allora i piu’ importanti elementi di design e di statistica su cui impostare le tue strategie e’ quello dei clic dai messaggi e-mail al tuo sito web.

Naturalmente il tasso di apertura dei messaggi, le richieste di cancellazione e le lamentele per spam sono sempre importanti affinche’ le tue strategie di email marketing possano dare un sicuro successo.

Tuttavia ricorda sempre che le statistiche più importanti riguardano soprattutto il tasso di clic through dai messaggi al tuo sito web.

Dovrai comunque focalizzare la tua attenzione sulla formattazione, posizionamento e numero dei link posti all’interno del tuo messaggio.

Infatti, dovranno essere ben evidenti, costituiti da testo e rappresentati da una ben convincente “call to action”.

Inoltre dovrai assicurarti di inserire un buon numero di link nella parte piu’ visibile inziale del messaggio.

Infine, come nella maggior parte dei business on-line, lo scopo della tua newsletter o del tuo programma di email marketing e’ comunque quello di creare eventi che generino entrate economiche.

Dopotutto devi pur sempre ottenere che gli iscritti alla tua lista aprano i messaggi e poi clicchino sui link che rimandino al tuo sito web.

Ed hai bisogno di clic through verso il tuo sito web per riuscire ad ottenere eventi che generino i tuoi guadagni.

E naturalmente per conseguire tutto ciò hai bisogno che il tuo target sia sempre alimentato da nuove persone che desiderino essere iscritte alla tua lista in modo da avere sempre nuovi potenziali clienti a cui vendere.

Quindi dovrai tener conto di tutto ciò che ti ho detto se vorrai creare del modelli di email di successo allo scopo di rendere la tua newsletter o il tuo programma di email marketing suscettibile di generare eventi cui conseguano dei lauti guadagni.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento, grazie!