Introduzione al Follow-up Marketing On Line

In questo blog potrai trovare delle interessanti strategie di Follow-up Marketing On Line, applicate attraverso gli strumenti dell’E-mail Marketing, per contattare e ricontattare coloro che avrai incontrato in una fiera, le aziende che avrai incontrato durante il tuo percorso lavorativo, i destinatari delle telefonate del tuo call center, i prospect che si saranno iscritti alla tua lista, in attesa di ricevere le tue comunicazioni ed i tuoi follow-up.

Tutto questo potrai processarlo secondo tempi ed intervalli opportunamente pianificati e calendarizzati, in base alla tipologia di potenziale cliente, che avrai categorizzato proprio allo scopo di dedicare maggiori risorse a coloro che sembrano maggiormente disposti a darti la loro fiducia.

optimizepress

Naturalmente la tua attivita’ avra’ il fine di convertire i tuoi prospect in clienti, e questi ultimi in clienti fidelizzati, in un’incessante lavoro di impostazione di contatti successivi che porti la tua azienda a raggiungere la piena stabilita’ finanziaria.

Grazie agli studi, agli approfondimenti di corsi non solo italiani ma anche e soprattutto statunitensi, e alla conoscenza dell’Inglese, ho maturato una discreta conoscenza del webmarketing e da un po’ di tempo a questa parte ho creato e sto creando diversi corsi, soprattutto sugli argomenti dell’E-mail Marketing, del Follow-up Marketing, del Blog Marketing e del Social Media Marketing.

Il Follow-up Marketing rappresenta un insieme di strategie che possono essere utilizzate da un’azienda, attraverso i suoi specifici canali, che possono appartenere al settore on-line, oltre che a quello off-line.

E’ la strategia di contatto per eccellenza, per ricontattare sempre e comunque tutti coloro con i quali si sia avuto un primo contatto, nonche’ tutti coloro dai quali si sia avuto un primo acquisto.

Per eccellenza proprio perche’ il suo scopo e’ quello di convertire il maggior numero di potenziali clienti in clienti, e questi ultimi in clienti fidelizzati.

L’ambito operativo del Follow-up Marketing viene comunemente ritagliato nel settore dei beni non durevoli, oppure anche durevoli, purche’ dotati di accessori e abbinabili a beni complementari, proprio perche’ e’ grazie a queste caratteristiche che il cliente fidelizzato diviene il whole life customer value.

In parole diverse, sarai anche un grande venditore, ma se continui a vendere l’unico prodotto che un acquirente non cambiera’ se non dopo una decina d’anni, e che non ha accessori, oppure non e’ complementare a nessun altro prodotto e/o servizio, e’ molto difficile che potrai avere dei grandi guadagni.

A meno che tu non diriga una squadra di bravi venditori, che pero’ ancora non conoscono molto sul marketing o non hanno ancora l’esperienza per affrontare il mercato con piu’ saggezza, e a te conviene che rimangano in tale condizione.

Ma sicuramente dovrai affrontare un notevole turn over.

Il Follow-up Marketing On Line e’ solo una parte del Follow-up Marketing, ed e’ uno strumento che viene utilizzato da operatori e professionisti del commercio on-line, perche’ permette di elencare, descrivere e combinare in un mix di marketing avanzato, tutti quei processi telematici, che hanno lo scopo di contattare piu’ volte un determinato target, attraverso le offerte inserite in messaggi email, in pagine web e nei social media.

Naturalmente, se non sei una ditta individuale, ma fai parte di un gruppo aziendale consistente, che cura anche il canale di marketing off-line, con il telemarketing ed unitamente ad una forza di vendita, che agisca sul territorio, i suoi strumenti e strategie andranno ad affiancarsi ed a integrarsi con quelli del canale del marketing on-line.

I miei link principali

Clicca qui per sapere chi sono!

Clicca qui per individuare la mia mission!

Clicca qui per dare un’occhiata a tutti i miei corsi!

Clicca qui per approfondire come difendiamo i diritti di visitatori, iscritti a liste e clienti

Clicca qui per raggiungere la mia pagina sui servizi gratuiti, termini e condizioni, nonche’ per esaminare la mia linea editoriale!

I miei corsi

Nel 2007 ho iniziato a scrivere un piccolo e-book che parlasse del Follow-up Marketing On Line, ma poi mi accorsi che le implicazioni ed i contatti con tutto il mondo off-line erano tali che poco alla volta, nel tempo, il Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line ha superato ampiamente le 600 pagine, onde sara’ suddiviso in tre o 4 parti.

Il corso riporta tutte le strategie possibili ed immaginabili di offerta, in un confronto diretto ed immediato tra offerte portate al cliente attraverso il web ed offerte fatte di persona, nei locali dell’offerente oppure presso la sede del target.

SergioTraversa.com e il Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line sono stati recensiti da webwiki.it nel 2016!

Il Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line e’ percio’ una riedizione del Mini Corso sul Follow-up Marketing in 12 lezioni, da me iniziato nel 2007, aggiornato ogni anno e recensito nel gennaio del 2009 dal piu’ importante sito web italiano sul webmarketing, Wmtools.com, di cui si riporta qui sotto per intero il commento, che potrai comunque trovare nel link predetto di quel sito web, cliccandoci sopra:

L’Autoresponder: uno strumento di e-mail marketing
Pubblicato il 19 gennaio, 2009

“Molte aziende hanno cominciato a usare l’e-mail marketing come strumento di promozione e comunicazione verso i propri clienti, fornitori, partner.

Ma sono poche quelle che utilizzano strumenti avanzati come gli autoresponder per incrementare il business on-line, e ancora meno quelle che utilizzano strategie di Followup Marketing.

Di cosa stiamo parlando?

Di un sistema automatico che permette di gestire la richiesta di informazioni e la risposta automatica, con evidente risparmio di tempo (e soldi) e semplificando determinate attivita’.

Se è vero che ci vogliono 7 messaggi in sequenza per trasformare un contatto in un cliente, ecco un mezzo per conquistare in maniera graduale la fiducia degli iscritti ad una lista, e trasformarli in clienti fidelizzati.

Con un software autoresponder per E-mail Marketing è possibile inviare una serie di messaggi sequenziali o followup agli utenti che si sono iscritti a una lista.

Il processo di invio e’ automatico perche’, dopo aver scritto tutti i messaggi della serie, ed averli inseriti nel programma autoresponder, il software li inviera’, dal primo all’ultimo, ad ogni nuovo utente iscritto.

Per chi desidera saperne di più è possibile iscriversi gratuitamente a un corso di 12 lezioni in 4 settimane (ogni lunedi, mercoledi e venerdi) e capire come funzioni e quali risultati possa portare uno strumento del genere.”

Prima di affrontare il Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line, ti suggerisco inizialmente di iscriverti al Corso Base sul Follow-up Marketing On Line, perche’ rappresenta uno step propedeutico prima di affrontare il Corso Avanzato, che e’ piuttosto tecnico in termini di marketing.

Qualche dubbio?

I miei corsi sono tutti gratuiti!

Inoltre le lezioni dei corsi sono suddivise in e-mail, e se ti iscriverai a qualsiasi corso, riceverai tre lezioni alla settimana, il lunedì, il mercoledì e il venerdì.

La durata del corso dipende dalla dimensione dello stesso.

Alla fine di ciascun corso potrai scaricare gratuitamente la versione integrale del corso come e-book in formato pdf.

Corso Base sul Follow-up Marketing On Line

Inserisci i tuoi dati nel modulo qui sotto ed inizia a ricevere gratuitamente le lezioni via e-mail del Corso Base sul Follow-up Marketing On Line!

Il Corso Base sul Follow-up Marketing On Line e’ gia’ stato pubblicato, percio’ iscriviti!.

E’ un piccolo corso composto da 12 lezioni, che saranno inviate via email a chi si iscriva, ed e’ della durata di quattro settimane, con tre lezioni a settimana.

Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line

Inserisci i tuoi dati nel modulo qui sotto ed inizia a ricevere gratuitamente le lezioni via e-mail del Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line!

Potrai iniziare a ricevere le lezioni del Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line fra non molto.

Sara’ inviato a tutti gli iscritti, che riceveranno tre lezioni alla settimana via e-mail per circa 37 settimane.

Corso Base sul Blog Marketing

Inserisci i tuoi dati nel modulo qui sotto ed inizia a ricevere gratuitamente le lezioni via e-mail del Corso Base sul Blog Marketing!

Solo fra qualche mese potrai iscriverti per avere le lezioni del Corso Base sul Blog Marketing, un nuovo corso alla sua prima edizione!

Anche le lezioni Corso Base sul Blog Marketing saranno inviate agli iscritti via e-mail tre volte alla settimana, per circa un mese.

Corso Avanzato sul Blog Marketing

Inserisci i tuoi dati nel modulo qui sotto ed inizia a ricevere gratuitamente le lezioni via e-mail del Corso Avanzato sul Blog Marketing!

Tra qualche mese potrai iscriverti per avere le lezioni del Corso Avanzato sul Blog Marketing, un nuovo corso alla sua prima edizione!

Anche le lezioni Corso Avanzato sul Blog Marketing saranno inviate agli iscritti via e-mail tre volte alla settimana, ma per circa 52 settimane.

Che cos’e’ il Follow-up Marketing On Line?

Sommario:

1. I concetti principali del Follow-up Marketing On Line

2. Che cos’e’ l’E-mail Marketing?

3. Broadcasting

4. Autoresponder

5. Prodotti di front-end e di back-end

6. L’importanza dei clienti fidelizzati

7. Follow-up Marketing e i software autoresponder Email Marketer e arpReach

1. I concetti principali del Follow-up Marketing On Line

Il Follow-up Marketing On Line rappresenta un canale di marketing, con il quale si mira, con dei messaggi preconfezionati, inviati ad intervalli prestabiliti, a contattare e ricontattare tutti i prospect che ci abbiano fornito il loro indirizzo di posta elettronica su di un biglietto da visita, oppure iscrivendosi ad una lista, inserendo nome ed indirizzo email in un modulo o form di iscrizione, posto in una landing page di un sito web o di un blog.

Quindi rappresenta un canale che rientra nel campo dell’E-mail Marketing, in quanto ad esso si applicano tutte le regole che appartengono a quest’ultimo, come, ad esempio, lo stile, la composizione, la struttura e la formattazione in html o solo testo dei messaggi.

Ma il Follow-up Marketing On Line rientra nel campo dell’E-mail Marketing, sotto un altro punto di vista, quello dello scopo per il quale l’E-mail Marketing venga utilizzato da un operatore.

Lo scopo principale che un operatore si pone, utilizzando una strategia di follow-up marketing on line, e’ quello della vendita diretta, attraverso offerte e/o promozioni di prodotti e/o servizi.

Gli esperti di marketing hanno ormai individuato quattro generi di E-mail Marketing, a seconda del fine, per il quale ognuno di essi venga scelto.

E adesso mi preparo a descriverli.

Innanzitutto il miglior piano di e-mail marketing e’ composto dall’integrazione dei quattro formati di email marketing individuati, e tale mix si ricollega soprattutto al periodo del ciclo di vita di un prospect e/o un cliente, in cui questi venga collocato o contattato.

E questo potrebbe benissimo esser einteso come un quinto genere di email marketing.

Il primo dei quattro formati di gran lunga piu’ utilizzato e’ rappresentato dall’e-mail marketing che sia diretta a generare nuove entrate per un’azienda, sia convertendo i prospect in clienti, o convincendo i clienti a compiere acquisti addizionali.

Un secondo formato di e-mail marketing ha invece lo scopo di fidelizzare il cliente, guadagnando la sua fiducia, e al contempo cercando di mantenere vivo il tuo brand, nella testa del tuo cliente, e la sua lealta’, ad esempio, nell’utilizzo del tuo sito web, prodotto e/o servizio, invece di rivolgersi alla tua concorrenza.

Non essendo impostato per la vendita diretta, da questo formato di e-mail marketing non ricaverai alcun beneficio in termini di entrate economiche.

Un terzo formato di e-mail marketing ha il fine di cercare di tenere stretti i clienti esistenti e di assicurarsi che essi rimangano clienti che ritornino ad acquistare e/o visitare il tuo sito web ancora e ancora.

Diversamente dal secondo precedente formato, quest’ultimo e’ diretto principalmente a prendere in considerazione il cliente dal punto di vista delle offerte fatte e degli acquisti compiuti.

E confrontando quest’ultimo con il primo formato esaminato, quello delle e-mail concepite come puro strumento di vendita e di incremento di entrate, questo invece e’ ritagliato specificamente per fare in modo che il tuo cliente continui ad acquistare, massimizzando gli incassi da quel cliente, e che quest’ultimo continui a considerare il tuo sito web come una fonte di informazioni sui tuoi prodotti e/o servizi.

Il quarto tipo di email marketing e’ quello che ha lo scopo di recuperare i clienti persi, cioe’ quelli che hanno abbandonato il tuo prodotto, servizio, business e sito web, ma e’ anche quello che comporta maggiori investimenti, assieme al terzo tipo, rispetto persino alla acquisizione di nuovi clienti, per evidenti ragioni connesse con l’impegno richiesto per mantenere il cliente e quello che e’ necessario compiere in termini di tempo e di danaro per recuperare quello perso.

I tipi di email marketing che vengono in considerazione nell’esame del follow-up marketing on line sono essenzialmente due: quello che mira ad avere entrate dalla vendita diretta, e l’e-mail marketing che ha per oggetto la lealta’ del tuo cliente e che mira a mantenere vivo nella testa del cliente il tuo brand personale od aziendale.

ll Follow-up Marketing On Line viene concepito come predisposizione anticipata di una serie di messaggi preconfezionati, inviati ad intervalli, che sono stati programmati con un software autoresponder prima dell’invio stesso, ad una massa di destinatari.

E sara’ semplice capire che l’Email Marketing di cui si parla in questo corso e’ essenzialmente quello che mira ad avere entrate esclusivamente con la vendita diretta, cioe’ il primo tipo che abbiamo preso in esame sopra.

Ma tutto questo discorso sarebbe molto riduttivo del concetto di Follow-up Marketing On Line.

Infatti, parlando in un ambito piu’ generale di Follow-up Marketing On Line, sappiamo gia’ che esso racchiude in se’ tutte le azioni che vengono compiute via email, per contattare e ricontattare prospect, clienti e clienti fidelizzati affinche’ diventino il classico life customer value.

E tra queste azioni troviamo anche l’impostazione di una newsletter.

Questa non e’ composta da messaggi preconfezionati ed inviati ad intervalli programmati prima dell’invio, ed anzi, chi si incarica della redazione di una newsletter deve riuscire a recuperare tutto il materiale nuovo da inserire nei messaggi, proprio nel lasso di tempo che intercorre tra l’ultimo numero inviato ed il prossimo numero da inviare.

Eppure la newsletter appartiene sia al genere dell’Email Marketing, per quanto attiene allo stile, la formattazione, la composizione e i contenuti dei messaggi, sia a quello del Follow-up Marketing On Line, per quel che concerne l’idea generale di farsi sentire con ripetuti contatti nel tempo, affinche’ il cliente si senta al centro dell’attenzione del mittente e si ricordi di lui.

Certamente la newsletter, come processo, si compone di una serie di messaggi che idealmente dovrebbero pervenire ai destinatari in scadenze determinate, poiche’ queste erano state promesse dal gestore o dal titolare delegante della newsletter.

Che poi le scadenze non possano essere rispettate, questo e’ un altro problema.

Quello che qui interessa principalmente ai fini del Follow-up Marketing On Line, e’ che dei messaggi saranno inviati, in un’ottica comprensiva dei due tipi di email marketing applicabili, proprio con lo scopo di far sentire il destinatario al centro dell’attenzione e mantenere vivo l’interesse del destinatario per offerte e prodotti e/o brand del mittente.

Vedremo nel proseguo anche il concetto di broadcasting, che per adesso sintetizziamo come invio eccezionale o irripetibile a largo raggio di comunicazioni via email, verso una platea di iscritti ad una newsletter, od anche diretta agli iscritti ad una lista impostata in precedenza con un semplice follow-up di messaggi preconfezionati prima dell’invio.

Normalmente nella newsletter il broadcasting ha lo scopo di inviare a tutti gli iscritti, un messaggio che contenga delle novita’ assolute, o delle informazioni nevralgiche, che debbano essere portate a conoscenza immediatamente, senza ulteriori procrastinazioni.

Diversamente accade nell’invio di messaggi preconfezionati, che hanno lo scopo della vendita diretta.

In quest’ultimo caso, infatti, il broadcasting ha il fine di provocare un comportamento che aiuti il mittente a creare delle segmentazioni di prospect o utenti, a seconda della loro reazione, e questo specialmente se si inserisca un sondaggio al suo interno.

Percio’ la vera differenza tra una newsletter ed una serie di messaggi inviati in serie, non sta solo nel preconfezionamento dei messaggi, ma anche nell’intento principale, perche’ l’e-mail marketing che si applica alla newsletter, ha lo scopo di mantenere la lealta’ del cliente verso l’azienda ed il suo sito web, e di fare branding per mantenere vivi nel cliente, l’immagine dell’azienda ed il suo interesse verso di essa.

E questo risulta evidente da una serie di elementi, tra i quali, il fatto che una newsletter abbia una specifica linea editoriale, la quale rifugga dall’inserimento di banner o altri link che comportino un giudizio negativo, da parte del destinatario.

Una newsletter deve contenere delle novita’, che non siano solo i soliti nuovi prodotti della rispettiva azienda, ma anche delle informazioni che siano importanti per il lettore, ed inerenti al settore di appartenenza dell’azienda stessa.

Il brand emerge per l’autorevolezza di colui, il quale compili la newsletter.

In quest’ottica e’ molto utile che venga inserita la classica pagina con il parere dell’esperto.

Per il resto, come dicevo, i canoni dell’E-mail Marketing che hanno a che fare con forma, stile e contenuti riprendono pienamente il loro vigore, non solo per i messaggi e-mail preconfezionati, ma anche per quanto riguarda la newsletter.

In conclusione, nei miei corsi parlero’ di follow-up marketing on line in quanto strategia che si pone specificamente il problema di acquisire sempre piu’ clienti e vendite, ed affrontero’ problemi connessi con la creazione di una newsletter, in cui operano dei concetti di e-mail marketing molto diversi, connessi soprattutto con la diffusione del brand del suo titolare.

Infine anticipo che parlero’ ampiamente di newsletter soltanto nel Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line.

Il termine che piu’ ci interessa e che potrai trovare piu’ spesso in questo corso e’ “Follow-up”!

Il termine Follow-up potrebbe essere tradotto come “insieme di contatti successivi”, nell’ambito di una generica strategia commerciale off-line, basata sulle visite ripetute presso un determinato cliente potenziale o anche gia’ acquisito, per vendere i propri prodotti e/o servizi.

Nel settore specifico dell’E-mail Marketing, rappresenta una “sequenza di messaggi”, che ha lo scopo di conquistare gradatamente la fiducia degli iscritti una lista allo scopo di trasformarli in clienti e poi in clienti fidelizzati.

Il Follow-up rappresenta il cardine del sistema che ti sto per illustrare.

Con un software autoresponder potrai automaticamente inviare una serie di messaggi sequenziali o Follow-up agli utenti che si sono iscritti alla tua lista.

Il processo di invio e’ automatico perche’, dopo aver redatto in poche ore tutti i messaggi della serie, ed averli inseriti nel programma autoresponder, il software li inviera’, dal primo all’ultimo, ad ogni nuovo utente che avra’ posto inizio al processo di invio-ricezione, attraverso la semplice iscrizione, con l’inserimento dei suoi dati in un modulo posto sulla homepage del tuo sito.

Potrai scegliere l’intervallo di tempo tra un messaggio e l’altro ed anche l’ora precisa in cui i tuoi iscritti debbano riceverlo.

Così avrai creato e processato la tua serie di messaggi sequenziali o follow-up!

E quindi, se magari eri un po’ in difficolta’ nel comprendere la distinzione tra broadcasting e follow-up, adesso capirai perfettamente la differenza tra i due termini.

Infatti con un follow-up potrai inserire nei messaggi della serie dei contenuti che non costituiscono alcuna novita’, ma solo un approfondimento di temi che avrai gia’ trattato precedentemente in modo sommario, magari in una pagina del tuo sito web, in modo da invogliarli ad iscriversi al tuo corso on-line, sviluppato in piu’ messaggi, per poter avere degli ulteriori dettagli.

Oppure potrai presentare varie offerte negli stessi messaggi del follow-up, ed allora per convincerli ad iscriversi offrirai un report gratuito all’atto dell’iscrizione.

Ma potrai anche inserire, nella serie dei messaggi, dei contenuti descritti in modo superficiale, per invogliare i tuoi prospect ad acquistare il prodotto, che affronta quel determinato argomento con maggiore precisione.

Percio’ potrai predeterminare e redigere in poche ore tutti i contenuti dei messaggi dei tuoi follow-up, che potranno essere inviati, diciamo, anche da qui a sei mesi!

Ma il termine follow-up ha assunto un ruolo di rilievo, anche fuori dall’ambito delle strategie di E-mail Marketing, tanto da costituire ormai una branca dotata di una certa autonomia: il Follow-up Marketing On Line!

Infatti con il Follow-up Marketing On Line possiamo indicare non solo un insieme di messaggi sequenziali, inviati via email, ma anche ciascuna offerta contenuta nei vari messaggi successivi, inseriti nelle pagine web del tuo sito e conseguenti ad una offerta principale.

Vedremo, quando si parlera’ di cross-selling, che l’offerta principale si chiama di front-end, mentre quelle successive saranno generalmente di back-end e in altri capitoli entreremo in questi dettagli.

Stiamo quindi entrando nel campo dell’up-selling o del cross-selling, che consistono essenzialmente nell’offerta successiva ad un primo acquisto, mentre il tratto saliente che li distingue e’ il periodo piu’ lungo che caratterizza l’intervallo tra il primo acquisto di front-end e la successiva offerta di back-end, che contraddistingue il cross-selling, rispetto all’upselling.

Potrai osservare quindi che il follow-up marketing non consiste solo nei messaggi successivi di una sequenza di follow-up basata su e-mail.

Infatti con un follow-up, in tutti i casi vi sia una seconda offerta, e poi una terza, etc., le offerte possono essere inserite nelle pagine di uno o piu’ siti collegati, dando luogo ad un follow-up di offerte web based.

In seguito capirai perche’ il Follow-up Marketing e’ divenuto oggetto di una particolare strategia di vendita on-line, che ha generato profitti clamorosi per tutti coloro che si sono impegnati a fondo nell’applicarla e che potrai apprendere anche tu continuando nella lettura!

2. Che cos’e’ l’E-mail Marketing?

Sicuramente ne avrai gia’ sentito parlare!

Qui, piu’ che tradurre il termine, cerchero’ di chiarirne il significato.

E-mail Marketing vuol dire, sinteticamente, comunicare con un mercato, attraverso l’utilizzo della posta elettronica, e rappresenta uno dei piu’ potenti ed efficaci strumenti dell’Internet Marketing e lo rimarra’ ancora per il prossimo futuro.

Anzi, direi che sia il miglior strumento di marketing a lungo termine per chi ha un’attivita’ off-line oppure on-line, o che comprenda entrambe queste tipologie.

L’email marketing puo’ essere considerata la piu’ potente (ed economica) forma di marketing che sia mai stata concepita al mondo.

Sono ormai passati i tempi in cui dovevi impegnare la tua casa o la tua automobile, per creare una lettera di vendita di un prodotto che potesse farti guadagnare una fortuna.

Internet e’ il solo posto sulla terra dove puoi vendere tutti i giorni con l’investimento di un’esigua somma di danaro, se sai pero’ come fare.

Fortunatamente o sfortunatamente (dipende dal tuo punto di vista) solo una piccola parte degli internet marketer conosce veramente come utilizzare i messaggi correttamente in modo da produrre profitto.

Ma non solo, perche’ molti esperti di internet marketing operano con l’email marketing in contrasto con quello che l’evidenza suggerisce, e che e’ stata trasfusa nei miei corsi sul follow-up marketing on-line.

Tuttavia se utilizzi l’email marketing in un modo che entra in conflitto con quelle linee guida e stai ottenendo risultati positivi, continua pure a fare cio’ che stai facendo, non cambiare, squadra che vince non si cambia!

Peraltro sono certo che i contenuti dei miei corsi sul Follow-up Marketing On Line possano veramente dare dei risultati positivi.

In questi corsi ti mostrero’ tutto quello che ho scoperto sull’e-mail marketing e come abbiamo utilizzato i contenuti di questo corso per incrementare il potere di internet e generare continui guadagni.

Prima di entrare nei dettagli dell’E-mail Marketing, ricordiamo che esso rappresenta una strategia di marketing e che il Marketing e’ un ramo della Scienza Economico Finanziaria.

Partiamo da questo concetto fondamentale che rappresenta una regola importantissima nel Marketing: qualunque sia il proprio settore, sia off-line che on-line, ricontattare i potenziali clienti e/o i clienti acquisiti o fare in modo di ricordarsi di loro, ha come effetto l’espansione del nostro messaggio e di conseguenza anche loro si ricorderanno di noi e di quello che offriamo o che andremo ad offrire.

E vedremo come tutto cio’ sia necessario per incrementare il successo del proprio business.

Tra gli strumenti per ricontattare un potenziale cliente e/o un cliente acquisito puoi utilizzare il telefono, il fax e la posta elettronica, i quali possono essere ben utilizzati non solo in funzione del commercio off-line, ma anche e soprattutto del commercio on-line.

Indipendentemente da come vengano ottenuti i dati delle persone da contattare (cioe’ se personalmente, off-line, oppure mediante un modulo di iscrizione posto on-line) l’utilizzo della posta elettronica ha favorito la creazione di una strategia globale che e’ diventata oggetto di una vera e propria disciplina, che viene descritta nei corsi sul follow-up marketing on line, cioe’ il Follow-up Marketing On Line, che rappresenta una parte fondamentale dell’E-mail Marketing.

Perche’ utilizzare l’e-mail marketing, quando magari hai gia’ investito abbastanza per avere un sito web?

Perche’ creare un sito internet a cui affiancare un sistema di e-mail marketing?

E’ facile rispondere: devi essere presente sul web ed avere la possibilita’ di contattare gli utenti che hanno mostrato interesse al tuo prodotto e/o servizio con dei messaggi di posta elettronica, e se non li contatti potrai fare solo qualche vendita sporadica, ma nulla piu’.

Lo strumento principale per contattarli e’ proprio quello dell’e-mail marketing, cioe’ il canale di marketing basato sull’invio di messaggi di posta elettronica, mezzi che sono semplicissimi da usare.

Ma non solo sono di facile utilizzo: non vi sono limiti all’invio, ne’ spese per la spedizione perche’ i messaggi e-mail hanno un costo quasi nullo, al di fuori del tempo che impiegherai a comporli e ad inviarli.

Il problema di quanto impieghi a comporli e’ solo una questione di esperienza.

Infatti con il continuo provare e riprovare, inviando dei messaggi test, prima o poi riuscirai ad affinare il tuo stile di scrittura e ad essere sempre piu’ rapido nella loro redazione.

Quanto al problema dell’invio, se utilizzi un normale software di posta elettronica, come vedremo in seguito, affogherai in interminabili processi di copia-incolla, che danneggeranno irrimediabilmente la tua attivita’, facendoti perdere tanto tempo prezioso ed energia.

Se invece utilizzerai un software autoresponder come arpReach o Email Marketer, potrai inviare messaggi al tuo target nel giro di pochi minuti!

L’e-mail marketing ha il pregio di darti una risposta del mercato immediata, diversamente da tutti gli altri canali pubblicitari standard, per i quali sono necessari notevoli investimenti e la cui efficacia e’ misurabile in tempi relativamente piu’ lunghi.

Infatti i risultati delle tue campagne di e-mail marketing sono misurabili rapidamente: e cio’ ti consentira’, in modo altrettanto immediato, di apportare eventuali modifiche alle impostazioni, alla forma ed ai contenuti dei tuoi messaggi, per verificare quelli che ottengono i risultati migliori ed impostare la tue nuove campagne, migliorando sensibilmente le performance del tuo business on-line.

In genere si parla di e-mail marketing come di Direct Response Marketing (DRM) o marketing a risposta immediata o diretta, proprio per indicare l’immediatezza e la misurabilita’ dei risultati ottenibili dal mercato di riferimento.

Inoltre potrai segmentare il target dei tuoi messaggi in base alle esigenze specifiche dei destinatari, cosa che i messaggi pubblicitari di cartelloni, giornali, radio e televisione, non possono fare, o meglio, possono ottenere anche dei risultati di un certo rilievo, ma a fronte di ingenti investimenti.

Puoi inviare un messaggio di posta elettronica quando vuoi a chi conosci bene o anche a coloro, che magari non conosci direttamente, ma che ti abbiano dato anticipatamente il loro consenso al ricevimento.

E’ considerato insostituibile, dato che non teme la concorrenza degli RSS Feed, relegati ancora al 5%, se non meno, del settore globale degli strumenti di comunicazione on-line, utilizzati nell’ambito della promozione commerciale.

Inoltre l’E-mail Marketing ti consente di ottenere profitto anche in mancanza di un prodotto tuo da commercializzare on-line!

Ma non sarei completo se mi limitassi a tali affermazioni.

Inizialmente e’ stato utilizzato per inviare notevoli quantita’ di messaggi commerciali ad utenti felici di riceverli, perche’ per loro era una novita’ assoluta.

Tuttavia cio’ col tempo ha provocato la crescita smisurata dello spam, al punto che gran parte della pubblica opinione era dell’idea che fosse giunto il momento di cambiare sistema, ritenendo l’E-mail Marketing come lo strumento preferito dagli spammer, onde sembrava persino giustificata molta diffidenza nei suoi confronti.

In seguito si e’ giunti alla reazione anti-spam degli ultimi anni, nei quali il modo di fare E-mail Marketing e’ mutato radicalmente.

Innanzitutto, attraverso gli strumenti legislativi dei vari paesi e le tecnologie offerte dai fornitori di servizi internet e dalle organizzazioni anti-spam, si e’ cercato di ridurre drasticamente il fenomeno dello spam, affinche’ l’E-mail Marketing potesse riguadagnare la fiducia degli utenti finali e delle aziende.

Tale sforzo ha avuto, da un lato un successo direi molto parziale, perche’ lo spam non e’ stato ancora debellato, e dall’altro ha contribuito a determinare un lieve rallentamento degli affari conclusi proprio dagli operatori on-line che agiscono in modo del tutto legale, a causa dei filtri anti-spam posti a livello di fornitura di servizi internet ed a livello di consumatore finale o destinatario dei messaggi.

Tuttavia nell’economia del sistema globale, e pur con i difetti riportati, l’E-mail Marketing continua e continuera’ a rappresentare comunque lo strumento commerciale piu’ utilizzato perche’ efficace e perche’ accessibile, in quanto molto economico, a chi voglia iniziare a creare un’attivita’ on-line senza troppi rischi economici, dall’oggi al domani, ovvero, overnight!

Inoltre si e’ verificato un notevole salto di qualita’ nei rapporti tra aziende e consumatori: il computer non viene piu’ considerato come un semplice supporto per utilizzatori finali, destinati ad accettare passivamente i messaggi pubblicitari.

Con l’utilizzo di nuove tecnologie, il computer sta diventando sempre piu’ uno strumento che consente ai navigatori di interagire con le aziende che si propongono sul mercato, sia attraverso l’E-mail Marketing, oltre che posizionandosi nelle classifiche dei motori di ricerca, o partecipando al programma di Google Adwords, ovvero utilizzando il blogging ed il social-marketing.

Addirittura grazie al cloud computing si assiste oggi ad una migliore allocazione delle risorse aziendali, con un risparmio medio del 25% su base annua, in quanto esso consente di evitare sprechi in risorse economiche, supporti informatici, ottimizzazione dei tempi in tutti i processi aziendali, e tutto puo’ essere migliorato ulteriormente con la ottimizzazione dei contatti email, basata sull’e-mail marketing.

Ma c’e’ di piu’, perche’ si assiste attualmente alla continua creazione di nuove strategie per motivare il cliente al contatto, al fine di trovare la soluzione ad un problema, e quindi non troviamo piu’ solo l’offerta di informazioni e/o la promozione di prodotti e/o servizi.

Cosa intendo dire: semplicemente che e’ vero che la funzione principale dei messaggi e-mail e’ quella di promuovere dei prodotti e/o servizi, ma e’ altrettanto vero che si stanno affermando degli ulteriori modi molto creativi per comunicare con la clientela, sempre attraverso la posta elettronica, e che sono in grado di far acquisire quote di mercato sempre piu’ importanti.

Tali modalita’ creative di utilizzo della posta elettronica costituiscono un sistema per offrire a prospect e clienti delle soluzioni professionali altamente personalizzate, consistenti in servizi integrativi dei prodotti e/o servizi acquistati, che possono fare la differenza tra un sito di successo e un sito che vende normalmente.

Vedremo infatti nei corsi, come una strategia di e-mail marketing di lungo periodo richieda, attraverso l’utilizzo di un autoresponder, non solo l’ impostazione di una serie di messaggi di vendita, ma anche la configurazione di servizi piu’ peculiari, quali la creazione di questionari e risposte (FAQ) e di sondaggi, l’invio di istruzioni per l’uso, l’ottenimento del feedback, etc.

Quindi, si sta assistendo all’utilizzo dell’E-mail Marketing non solo per promuovere i propri prodotti e/o servizi, ma anche per affiancare degli ulteriori servizi che rappresentano un valore aggiunto, per differenziare nettamente la propria offerta da quella della concorrenza e poter conquistare sempre nuovi clienti.

Entrando nel concreto, un sistema di E-mail Marketing puo’, ad esempio, gestire i clienti di un commercialista, per inviare loro, in modo automatico, determinati messaggi, quali promemoria per certe scadenze.

In tale settore il nostro strumento potrebbe agevolare la fatturazione rendendo automatica questa operazione, e consentendo un notevole risparmio di tempo, dedicabile ad affari piu’ redditizi e non piu’ sprecato in inutili e ripetitive azioni, specialmente nei casi in cui le somme di danaro siano sempre le stesse e da inviare alle medesime scadenze.

Puo’ agevolare il ricevimento automatico, via e-mail di certificati medici, risultati diagnostici o cartellini ospedalieri di dimissioni.

Puo’ consentire la costruzione di un elenco di domande e risposte frequenti per offrire alla tua clientela un servizio di assistenza rapido ed esauriente.

Puo’ aiutarti a creare dei sondaggi di opinione e raccogliere i tuoi risultati per impostare delle campagne di E-mail Marketing mirate, organizzate sull’analisi delle risposte ottenute.

Ed ancora e’ possibile comunicare notizie e corsi universitari agli studenti di una facolta’, magari inviando link alla video lezione inserita sul web, etc.

Tutto questo potrai metterlo in pratica utilizzando le strategie di Follow-up Marketing, di cui ti parlero’ nel corso, e che consistono in strumenti avanzati di E-mail Marketing.

Percio’, come potrai esaminare nei capitoli del corso, queste strategie avanzate di E-mail Marketing possono assumere le connotazioni piu’ svariate, in funzione della massima soddisfazione delle esigenze della clientela, con il risultato di un successo sempre crescente per chi sapra’ utilizzare questo strumento con la necessaria competenza.

E tutto questo potra’ essere organizzato, ottenendo il massimo risultato dalle tue campagne di E-mail Marketing, solo se sarai dotato di un potente software autoresponder, come arpReach o Email Marketer!
Infine sappi che il significato di E-mail Marketing racchiude in se’ quelli piu’ specifici di Broadcasting e di Follow-up, che ti spieghero’ proprio adesso nel dettaglio.

3. Broadcasting

Un termine che talvolta ricorre nelle funzioni dei programmi autoresponder e’ “broadcasting”.

Letteralmente puo’ essere tradotto come invio di un unico eccezionale ed occasionale messaggio a largo raggio, cioe’ a tutti i tuoi iscritti.

Questo termine indica l’invio di un solo messaggio per una particolare occasione, come nuove informazioni o nuove strategie, il lancio di un nuovo prodotto, anche altrui, l’invio di una newsletter settimanale o mensile, a tutti gli iscritti.

Ma che funzione ha un messaggio inviato in broadcasting?

Hai intenzione di inviare un messaggio occasionale ai tuoi iscritti o di pianificare l’utilizzo una newsletter?

Allora potrai farne la redazione e l’invio solo dopo averne aggiornato i contenuti con le novita’ che sarai riuscito a raccogliere nel tuo settore.

Ma se non inviassi dei contenuti di carattere innovativo non avrebbe piu’ senso parlare di messaggi una tantum oppure di newsletter!

Inoltre in generale il concetto di broadcasting come invio a largo raggio implica un invio generale e non targettizzato, mentre lo scopo principale dell’invio di una serie di messaggi in follow-up e’ sempre teso alla personalizzazione delle tue offerte in base ad una netta segmentazione dei tuoi target, individuati in base ad esigenze, gusti e propensione all’acquisto.

Tutto cio’ consente una piu’ mirata strategia di vendita e di fidelizzazione dei clienti acquisiti, ma ovviamente non esclude che si possano inviare dei messaggi saltuari in broadcasting anche per segmenti di target.

La ragione per cui ti ho spiegato il significato di broadcasting e’ perche’ quest’ultimo termine e’ strettamente connesso con la funzione di una newsletter, che dovrai distinguere nettamente dall’oggetto di questo corso, che e’ il Follow-up Marketing On Line, organizzato in funzione del Direct Email Marketing, e piu’ avanti ti spieghero’ come quest’ultimo si differenzi rispetto alla Newsletter, pur rientrando entrambi nell’ambito del follow-up marketing on line.

Parlando ancora di rapporto tra follow-up marketing, newsletter e broadcasting, possiamo inserire quest’ultimo in una strategia globale di follow-up marketing on line, quando, non solo vi sia invio di messaggi saltuari in broadcasting anche per segmenti di target, ma anche, ad esempio, quando tale strategia abbia lo scopo di vendere i posti a sedere per un corso di un certo rilievo.

Infatti capita spesso di sentir parlare di corsi, per i quali sei invitato ad affrettarti, prima che i posti disponibili si esauriscano, ed anche aggiungendo prima che il costo di ciascun posto a sedere raggiunga una cifra rilevante.

Chi operi con un follow-up di messaggi in tale frangente, e’ sicuramente qualcuno che ha acquisito una notevole esperienza e sa perfettamente che puo’ utilizzare un certo automatismo nell’invio dei messaggi.

Ma e’ anche qualcuno che sa benissimo, che alla bisogna, bisognera’ rinunciare all’automatismo per ripiegare su messaggi in broadcasting indipendenti l’uno dall’altro.

4. Autoresponder
Un altro di questi termini anglosassoni e’ “Autoresponder”, corrispondente al nostro italianissimo, ma poco utilizzato “Autorisponditore”.

E’ semplicemente un sistema che permette di inviare una richiesta di informazioni e di ottenere una risposta automatica, con evidente risparmio di tempo, semplificando determinate attivita’, attraverso l’utilizzo dei piu’ svariati strumenti di comunicazione.

Se il sistema e’ informatico, un autoresponder consente di richiedere determinate informazioni e di emettere automaticamente un messaggio di risposta attraverso l’utilizzo della posta elettronica.

Nel campo dell’E-mail Marketing, la funzione principale di un autoresponder e’ quella di inviare automaticamente un messaggio di risposta a coloro che ti hanno lasciato il loro nome ed indirizzo email, iscrivendosi alla tua lista.

Tuttavia vedrai che con un autoresponder potrai creare tantissime altre funzioni, con cui potrai conquistare la fiducia dei tuoi iscritti e creare quel valore aggiunto con il quale potrai distinguerti nettamente dalla tua concorrenza.

Vediamo ancora in concreto come opera un autoresponder.

Metti che un visitatore entri nel tuo sito web e veda che stai offrendo un report gratuito su di un oggetto, a cui egli sia interessato.

Egli inserisce nel modulo di iscrizione il suo nome ed indirizzo email ed in un batter d’occhio il report viene inviato nella sua casella di posta elettronica.

Questo non solo permette al tuo visitatore di scaricare immediatamente le informazioni che stava cercando, ma ti consente di inviargliele automaticamente, cioe’ non devi compiere azioni manuali di copia-incolla ed invio per spedire il report via email.

E qui viene il bello!

Infatti, in tal modo hai appena aggiunto un nuovo iscritto alla tua lista!

Senza un autoresponder avresti solo le singole visite di navigatori che poi non ritorneranno piu’ a visitarti.

Invece con l’aiuto di un programma autoresponder il tuo iscritto diventera’ il destinatario delle tue promozioni, ogni volta che un visitatore abbia espresso il desiderio di far parte della tua lista, al fine di ricevere le tue campagne di E-mail Marketing.

Una volta che avrai appreso come utilizzare un autoresponder, forse ti chiederai come hai fatto a pensare di poter operare on-line con profitto senza il suo supporto.

Se ti entusiasma l’idea di non dover piu’ buttare via il tuo tempo prezioso ad inviare manualmente i tuoi messaggi promozionali, con il copia-incolla, stai pur certo che cio’ non e’ l’unico vantaggio che potrai ottenere da un autoresponder.

Un autoresponder non e’ solo uno strumento che inserisce un pilota automatico nella gestione dei tuoi follow-up, ma puo’ agevolarti nel rendere proficue decine e decine di strategie di marketing, che avrai modo di esaminare in questo nuovo corso avanzato sul follow-up marketing.

5. Prodotti di front-end e di back-end

Innanzitutto cosa vorranno dire i termini prodotti di front end e prodotti di back-end e perche’ sono così importanti!

E ricorda che queste poche righe, che verranno qui sotto, rappresentano il succo principale di tutto questo corso avanzato sul Follow-up Marketing!

Prodotto di back-end e’ semplicemente un prodotto venduto immediatamente dopo che il tuo cliente abbia appena acquistato il tuo prodotto e/o servizio, principale, chiamato di front-end, o di facciata.

Nel commercio off-line, un classico esempio di rapporto tra prodotto di facciata o di front-end/prodotto di back-end e’ quello dei volantini dei supermercati, contenenti delle offerte strepitose, che ti convincono a visitarli per acquistare il tal prodotto a basso costo, o prodotto di facciata.

Tali offerte confidano sugli ulteriori acquisti (di back-end) compiuti secondo il principio del: “Gia’ che son qui!”

Immagina ora che un tuo affiliato o un motore di ricerca, o qualche altro strumento per attirare visitatori, abbiano suggerito ad un navigatore il tuo sito e che questi si sia iscritto alla tua lista per ricevere offerte e promozioni che tu invierai con un follow-up di messaggi.

In seguito all’iscrizione del nuovo potenziale cliente, cui tu stia inviando automaticamente una serie di messaggi in follow-up per vendere un singolo prodotto, se dopo un certo numero di messaggi l’iscritto acquista, tu avrai venduto il tuo prodotto principale, magari, come nella norma, a basso costo, se non addirittura sotto costo, giusto per attirarlo e farne un tuo cliente.

In generale, dopo il primo acquisto si aprira’ automaticamente una pagina di ringraziamento per l’acquisto e/o giungera’ all’indirizzo email dell’acquirente un messaggio di ringraziamento per l’acquisto: se nella medesima pagina e/o messaggio email offrirai, al tuo nuovo cliente, un prodotto, complementare al prodotto precedentemente venduto, o di cui ne sia una naturale conseguenza, anche ad un costo rilevante, e da cio’ dovesse scaturire un nuovo acquisto, ecco che avrai venduto il tuo prodotto di back-end.

Nota bene che nel commercio on-line, attivato tramite l’e-mail marketing, oggetto principale di questa pagina, diversamente dall’e-commerce e dal commercio off-line, il rapporto di complementarieta’ tra il prodotto di facciata e quello di back-end rappresenta un requisito essenziale.

Vedremo meglio questo argomento nel capitolo sul follow-up e vendite di back-end, che potrai esaminare nel corso.

6. L’importanza dei clienti fidelizzati

Ma perche’ i clienti fidelizzati, ottenuti con le vendite di back-end, sono così importanti?

Perche’, secondo un basilare principio che esaminerai in un capitolo, dal 20% dei clienti fidelizzati potrai ottenere l’80% delle tue vendite, sempre secondo la legge di Pareto, un economista vissuto nel secolo diciannovesimo.

E questo principio rappresenta il fine di una qualsiasi azienda che voglia rimanere sul mercato ed avere successo!

Ecco quindi l’importanza di avere costruito un sistema di contatti successivi, o di messaggi sequenziali o follow-up, per fidelizzare i tuoi nuovi clienti con le vendite di back-end.

Naturalmente per costruirlo dovrai dotarti del software autoresponder piu’ idoneo allo scopo, e di cui in questo sito curero’ un’analisi approfondita: arpReach o Email Marketer!

Email Marketer

Percio’, una volta acquisito un buon numero di clienti fidelizzati, se offrirai continuamente dei prodotti di back-end con i tuoi follow-up, potrai incrementare i tuoi profitti piu’ rapidamente.

Infatti e’ statisticamente provato che i tuoi clienti fidelizzati potranno garantirti nel medio termine almeno un certo numero di acquisti a testa, rispetto ai nuovi clienti che hanno acquistato un solo prodotto per la prima volta, ed inoltre un cliente fidelizzato sara’ tuo per sempre.

Le vendite ripetute ad uno stesso cliente, ormai fidelizzato, sono talmente redditizie che e’ molto conveniente vendere i cosiddetti prodotti di front-end o di facciata ad un prezzo irrisorio o sotto costo.

Cio’ conviene farlo proprio per ottenere il primo acquisto di un cliente, per poi avere dal medesimo gli acquisti successivi di prodotti di back-end.

E ricorda che non e’ importante che tu abbia a tutti i costi un tuo prodotto da vendere.

Ci sono migliaia di possibilita’ di vendere prodotti di altre aziende, alle quali potrai affiliarti.

Immagina ora di aver investito in tempo e danaro per ottenere l’attenzione, la credibilita’ e la fiducia di un prospect, che e’ divenuto un tuo cliente, con il suo primo acquisto.

Questa e’ la fase piu’ difficile ed anche piu’ costosa del rapporto con i clienti.

In genere si ritiene che il follow-up on-line, quanto quello off-line, sia composto da due processi: l’acquisizione di nuovi clienti e la continua vendita ai clienti fidelizzati.

Il processo piu’ redditizio e piu’ semplice e’ senza dubbio la vendita ai clienti fidelizzati, mentre il processo di acquisizione di un nuovo cliente richiede maggiori investimenti in risorse di tempo e danaro.

Pensa solo alla pianificazione, alla pubblicita’, alle attivita’ promozionali che devi impostare per ottenere una prima vendita!

Una volta acquisito quel cliente, potrai sviluppare un rapporto che potra’ durare per una vita intera.

Ed e’ per questo che spesso si dice che l’80% del fatturato deriva dal 20% dei clienti, mentre d’altro canto vale anche che l’80% degli sforzi nella vendita debba essere diretto verso i clienti fidelizzati, mentre il restante 20% delle risorse debba essere utilizzato per trovare nuovi clienti.

E cio’, ripeto, vale sia nel commercio off-line, quanto nel commercio on-line, con la differenza che on-line, la gestione dell’acquisizione di nuovi clienti richiede sicuramente molte meno energie rispetto al commercio off-line.

7. Follow-up Marketing On Line e i software autoresponder arpReach e Email Marketer

In questo corso sul follow-up marketing ti mostrero’ come un software autoresponder come arpReach o Email Marketer sia fondamentale per programmare i tuoi messaggi in follow-up allo scopo di:

1 – trasformare i tuoi visitatori in fedeli clienti;

2 – dare al tuo sito nuove opportunita’ di successo;

3 – impedire che il tuo target si rivolga alla concorrenza.

E ti garantisco che qui non stiamo parlando di teorie di tecnica informatica, ma solo di un pratico sistema per guadagnare.

Si tratta di semplici spiegazioni da utilizzare e passi concreti da affrontare, se vuoi incamminarti sulla strada del successo on-line.

Ma come sono arrivato a conoscere arpReach

Circa 15 anni fa sorse l’esigenza di acquistare un programma autoresponder, che fosse degno di tal nome e ad un prezzo abbordabile, per gestire i contatti con la clientela.

Percio’ nel giro di due anni ho acquistato una decina di software autoresponder e, dopo averli testati, ne ho pubblicato le recensioni su di un sito che avevo tempo fa, autoresponders-review.net confrontandone prezzo, qualita’ del prodotto e dell’assistenza, frequenza e gratuita’ degli upgrade, possibilita’ di tradurne in Italiano l’interfaccia amministrativa.

Alla fine del test sono rimasto talmente entusiasta di arpReach, nonostante fosse in Inglese e non in Italiano, che ho restituito, uno alla volta, tutti gli altri software acquistati, recuperando il costo sopportato per il periodo di prova.

Anzi, non solo arpReach si e’ dimostrato utilissimo nella gestione dei nostri contatti, ma poi mi sono reso conto che avrebbe potuto divenire un’ottima fonte di guadagno, tanto che l’ho proposto sul mercato Italiano, ottenendo tre clienti nel 2009, non molti ma nel periodo successivo un grosso problema familiare mi tenne lontano dal web, per cui dovetti chiudere baracca e burattini.

A parte cio’, arpReach si e’ rivelato realmente lo strumento che ha consentito a migliaia di aziende on line di tutto il mondo, di incrementare i propri affari su internet.

Perche’ non far parte anche tu di questa schiera di… fortunati?

Anche se certamente saprai meglio di me che la fortuna aiuta gli audaci!

In seguito ho acquistato anche Email Marketer poiche’ sono sorte altre esigenze che non potevo soddisfare con il solo arpReach.

Ma adesso capirai ancora meglio l’utilita’ di un autoresponder come arpReach o Email Marketer

Ti sarai sicuramente accorto che le strategie, che hai applicato finora, non ti hanno dato alcun risultato.

E questo e’ accaduto per una semplice ragione!

Hai erroneamente creduto che bastasse avere un sito ed essere posizionato nei primi posti sui motori di ricerca, per avere vendite su vendite.

Infatti la realta’ e’ ben diversa: e’ ormai risaputo che solo una minuscola percentuale di visitatori acquistera’ alla prima e forse unica visita.

La maggior parte dei tuoi prospect se ne andra’ dopo meno di 30 secondi per non piu’ ritornare, e si dimentichera’ di te e del tuo sito.

Ti rendi conto di quello che stai perdendo in mancati guadagni, per non sapere come riuscire a contattare i tuoi visitatori?

Lo sai che stai irrimediabilmente lasciando i tuoi prospect alla concorrenza?

Ma il peggio deve ancora venire!

Infatti non solo stai perdendo delle opportunita’ di guadagno, ma stai letteralmente bruciando il tuo investimento nei motori di ricerca!

Certamente avrai sperimentato tu stesso che essere ai vertici delle classifiche costa tempo e danaro.

E allora che senso ha tutto cio’, se poi i tuoi visitatori non acquisteranno nulla ed anzi, quel che e’ peggio, non ritorneranno piu’ sul tuo sito?

Percio’ e’ assurdo fare un simile investimento per essere ai vertici delle classifiche, quando poi non sai approfittare della situazione per trasformare i tuoi visitatori in clienti fidelizzati.

Inoltre stai sprecando il tuo tempo e le tue energie in inutili azioni ripetitive!

Cosa voglio dire?

Stai rispondendo manualmente alle richieste di iscritti e clienti, perche’’ utilizzi un normale programma di posta elettronica, come Outlook, Eudora, etc.

Ebbene, sei destinato inevitabilmente a perdere tutti i tuoi attuali contatti, perche’’, pressato da centinaia di operazioni di copia, incolla ed invio, non riuscirai a spedire, nei tempi previsti ed annunciati, le risposte che i tuoi prospect si attendono di ricevere puntualmente.

E così si dimenticheranno di te, e (cio’ ti garantisco che e’ la cosa peggiore) se risponderai, e lo farai necessariamente con notevole ritardo ingiustificato, potrai essere bloccato dai filtri anti spam ed eventualmente trovare il tuo indirizzo IP nelle black list.

A questo punto ti converra’ chiudere baracca e burattini!

Ma rifletti per un attimo!

Vuoi veramente tutto questo e rinunciare al successo sperato?

Non credo assolutamente che tu lo desideri!

Allora ti dico che la soluzione al problema e’ molto semplice e resterai di stucco per non averci pensato prima!

Ti sto ancora una volta parlando della soluzione che ti consente finalmente di contattare i tuoi prospect quando lo vorrai e per sempre.

Solo contattando sempre e costantemente i tuoi prospect, con una serie di messaggi in sequenza, riuscirai a trasformarli in clienti fidelizzati.

E questo perche’ la maggioranza delle persone non acquista subito alla prima visita, ma il processo di acquisto richiede un certo numero di messaggi.

Il numero dei messaggi necessari puo’ variare in funzione del tipo di prodotto, del prezzo, o della fascia di mercato di riferimento, ma sappi che si va da un minimo di cinque ad un massimo di dieci messaggi in sequenza, affinche’’ un visitatore si decida ad acquistare un prodotto od un servizio.

Ecco i due principali vantaggi di un autoresponder:

1) fornire una risposta immediata ed automatica a chi ti rivolge una richiesta per email, o un’email informativa in seguito ad un contatto avvenuto con il telemarketing;

2) vendere sempre e comunque al tuo target, dopo aver gradatamente conquistato la sua fiducia, attraverso un flusso costante di messaggi.

Il sistema di mailing che ti sto descrivendo e’ basato sul Follow-up Marketing!

Il segreto che qui ti svelo sta tutto nel potere dei messaggi in sequenza, che possono essere configurati attraverso un programma autoresponder come arpReach o Email Marketer.

E tutto cio’ ti consentira’ di incrementare i tuoi guadagni solo se trasformerai il tuo sito in un pilota automatico per produrre profitto, tanto da poter dedicare meno tempo al tuo primo business on line, per poter crearne di nuovi, in un’entusiasmante ed incessante crescita economica esponenziale!

Dovrai solamente lasciare che il tuo sistema di messaggi sequenziali sia al centro della tua attivita’ on-line!

Attraverso il tuo sistema di follow-up o di messaggi programmati in sequenza, potrai costruire la tua credibilita’, requisito essenziale per avere successo on line.

Non ci sono ulteriori segreti: l’installazione del tuo sistema automatizzato di messaggi sequenziali e’ indispensabile per trasformare i tuoi iscritti in clienti fidelizzati.

E non dimenticare di avere investito tempo e danaro per avere un discreto traffico di visitatori sul tuo sito, posizionato ai vertici delle classifiche dei motori di ricerca.

Solo un sistema di follow-up completo come arpReach o Email Marketer puo’ darti i seguenti vantaggi:

  • potrai implementare il tuo sito web con la funzione essenziale come quella di follow-up marketing;
  • avrai la certezza che tutte le informazioni provenienti dai prospect, come nome, cognome ed indirizzo email, saranno letteralmente catturate 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno e che i tuoi messaggi saranno inviati al momento stabilito;
  • potrai gestire le iscrizioni dei tuoi visitatori in modo automatico ed efficiente;
  • potrai dedicare il tuo tempo ad incrementare la tua attivita’, mentre arpReach o Email Marketer, gestira’ in modo automatico, le iscrizioni, le cancellazioni, le doppie iscrizioni, gli indirizzi respinti e gli indirizzi non piu’ attivi;
  • potrai impedire che tu possa essere accusato di spam, chiedendo ai tuoi iscritti di confermare l’iscrizione con il doppio opt-in, oltre a dimostrare di non essere uno spammer, potendo produrre nome, cognome, indirizzo email, indirizzo ip, ora e data di iscrizione, e anche il referral id dell’iscrizione e la pagina di provenienza;
  • Inoltre con arpReach o Email Marketer potrai incrementare il tuo business, creando una serie infinita di campagne di follow-up marketing per ogni prodotto che vorrai vendere.

Con arpReach o Email Marketer potrai:

• personalizzare le pagine di successo con il nome e/o l’indirizzo email dell’iscritto;

• creare, se conosci un po’ di programmazione in PHP, decine di pagine di reindirizzamento, personalizzate in base ai risultati di successo o di errore;

• utilizzare l’inserimento di una stringa di caratteri grafici (captcha) in un campo, per maggiore sicurezza contro automatismi indesiderati di iscrizione o contro l’iscrizione da parte di amici, conoscenti o male intenzionati;

• avere, sempre nell’ottica di difesa da iscrizioni non desiderate, la possibilita’ di identificare il referral id dell’iscrizione;

• comporre i tuoi messaggi in html con l’editore inserito nel software, anzicche’ ogni volta fare copia ed incolla dal tuo editore html;

• inviare messaggi per giorni della settimana ed orari specifici: funzione utilissima per inviare email ad aziende, durante le ore lavorative;

• utilizzare un’ importante funzione di controllo del testo inserito nei messaggi, per evitare di incappare nei filtri anti spam;

• avere la garanzia che i tuoi messaggi saranno ricevuti da tutti i tuoi destinatari.

Ma quello che piu’ interessa di questi software autoresponder e’ che potrai evitare di incappare in queste spiacevoli situazioni:

Se stai considerando di utilizzare dei servizi esterni di email marketing, dovresti andarci coi piedi di piombo.

Sebbene sembri di buon auspicio per una piccola azienda, riuscire a mantenere bassi i propri costi, nondimeno esistono delle evidenti controindicazioni che adesso ti illustro:

Pagherai ogni mese l’utilizzo del servizio esterno, a prescindere dal fatto che tu stia inviando o meno delle campagne di email marketing.

Sarai persino penalizzato dal fatto che pagherai ancora di piu’ nel caso in cui le tue liste dovessero crescere.

Un link o una immagine “powered by” saranno aggiunti al piedi di ogni tuo messaggio email che invierai, concio’ significando che tu andrai ad aiutare la crescita del business del tuo fornitore di servizi esterni di email marketing.

Condividerai un server con centinaia o persino migliaia di altri utenti, qualcuno dei quali potrbbe benissimo essere uno spammer ed eventualmente distruggere la deliverability delle tue email, per raggiungere e guadagnare la quale avrai lavorato duramente.

Esportare in un altro software le tue campagne di e-mail marketing, i tuoi messaggi in autoresponder, i contatti e le statistiche diventera’ il tuo incubo, e questo ti rendera’ quasi impossibile lasciar perdere tali servizi.

Ti troverai completamente spiazzato dalle strategie di branding dei servizi che stai utilizzando, specialmente se hai fama di esperto web designer o se hai un’agenzia con i tuoi clienti fidelizzati, che credono nel tuo marchio.

Non avrai altro che tu possa fare se non accettare passivamente gli aggiornamenti del software che ti verranno imposti.

Starai utilizzando un servizio, non un software, e percio’ non potrai mai modificarne il codice sorgente, per adattare il software alle tue esigenze.

Mutual Advantage arpReach e Interspire Email Marketer rappresentano dei software autoresponder che pagherai in una sola soluzione, senza ulteriori pagamenti mensili o per numero di email, e potrai incrementare le tue liste secondo i tuoi desideri.

Ai piedi dei tuoi messaggi potrai aggiungere un link o un’immagine del tuo brand personale, e non sarai mai infastidito dai vari powered by servizi esterni di email marketing.

Poiche’ arpReach e Email Marketer possono essere installati sul tuo servizio di hosting, sei l’unico che gestisce i software e non dovrai mai preoccuparti riguardo a spammer che potrebbero ridurre il tuo tasso di deliverability.

Puoi facilmente spostare arpReach o Email Marketer in un altro server, poiche’ sei il titolare ed hai accesso a tutte le tue campagne di email marketing, autoresponders, contatti e statistiche.

Potrai personalizzare il tuo brand in arpReach senza costi aggiuntivi e in 5 minuti.

Il manuale utente e l’help on line possono essere ugualmente personalizzati con il tuo brand.

E adesso prova a pianificare l’utilizzo di un follow-up e ad inserirlo nelle tue strategie di E-mail Marketing.

Ma se non sei ancora pronto per farlo, non devi preoccuparti piu’ di tanto perche’ ti suggeriro’ tantissime nuove idee, negli altri capitoli di questo corso avanzato sul follow-up marketing on line.

Vedremo come tutte queste strategie abbiano lo scopo di vendere uno o piu’ prodotti e/o servizi.

Percio’ nel secondo capitolo del corso avanzato parleremo di come trovare un prodotto da vendere.

In un altro capitolo parleremo di come strutturare una pagina di vendita e di come farsi trovare su internet, in modo da catturare indirizzi email e nomi di visitatori per implementare la tua lista.

Il Follow-up Marketing

Che cos’e’ il Follow-up Marketing?

In questa pagina vorrei non apparire troppo accademico o teorico, eppure il mondo anglosassone ci insegna che la classica vendita del rappresentante che va in giro a cercare clienti non ha esaurito il suo spazio, bisogna soltanto integrarla con una metodica costante, quella del follow-up, e completarla con i follow-up di messaggi email.

Del resto un certo Joe Girard e’ entrato nel Guinness dei Primati, come il piu’ grande venditore che sia mai esistito, avendo venduto circa 13.000 automobili in 12 anni, ed e’ l’esempio piu’ classico di come un venditore possa avere successo per aver inviato dei messaggi, a tutti i suoi contatti, sia che non avessero piu’ acquistato da lui, sia che fossero divenuti clienti o che fossero i suoi migliori clienti, in forma cartacea ed elettronica, sia facendosi sentire periodicamente che in particolari occasioni, come l’anniversario del primo acquisto del cliente, o nei compleanni o nelle festivita’.

Joe Girard

Lo scopo principale di questa pagina e’ quello di sensibilizzare le aziende piu’ interessate ed all’avanguardia, per portarle ad applicare strategie, che ormai sono di uso comune nel mondo anglosassone, mentre in quello italiano, sono pressocche’ sconosciute.

Infatti le aziende che forniscono servizi di webmarketing in Italia, per organizzare campagne di lead generation, sono perlopiu’ orientate alla costruzione di siti web, ottimizzati secondo le regole del Search Engine Marketing e/o del Search Engine Optimization.

Di conseguenza ricorreranno a tali strategie per inserie i siti dei loro clienti nelle serp dei motori di ricerca, attraverso tecniche che puntino alla visualizzazione di tali siti ai vertici di Google nei risultati naturali oppure negli annunci di Google Ads (Adwords), o integrando tali strategie con quelle che fanno riferimento al Social Media Marketing.

Ma non si riscontrano, se non in pochissimi casi, strategie operative che facciano ricorso anche all’E-mail Marketing, e quindi ad un insieme di canali che abbiano come strumenti principali il follow-up marketing che viene utilizzato con una newsletter oppure con un follow-up di messaggi che abbiano come scopo la vendita attraverso le forme del direct marketing, forme che sono applicazione diretta del Follow-up Marketing On Line.

Il vantaggio di iniziare un percorso simile non sta tanto nella novita’, perche’ ormai tutti sanno che le tecniche di SEO e di SEM, integrate dai Social Media, non rappresentano l’unica strada per arrivare a superare la concorrenza ed incrementare visibilita’, clientela e fatturato, perche’ bisogna ricorrere anche all’E-mail Marketing.

Il problema vero e’ che, sotto quest’ultimo profilo, nella stragrande maggioranza dei consulenti c’e’ molto pressapochismo o assoluta mancanza di conoscenza sul come applicare le strategie del Follow-up Marketing On Line, apparendo perlopiu’ molto macchinose per i loro clienti.

Questa opinione ovviamente non e’ che sia del tutto errata, ed infatti sono le fasi iniziali della pianificazione e della messa in funzione di un sistema di follow-up marketing on line che fanno preoccupare i gli operatori aziendali, perche’ ritengono che siano piuttosto complesse.

Certo e’ che una volta che siano state organizzate e messe in pratica, e questo richiede meno di un mese di tempo, le campagne di follow-up marketing on line non richiedono altro che una piccola manutenzione periodica della durata di meno di una mezza giornata, anche ogni due o tre mesi.

E’ chiaro che muoversi in questo panorama piuttosto oscuro e segnato da una delle piu’ gravi catastrofi globali non e’ molto facile.

Tuttavia ritengo che in un’ottica B2B, le aziende abbiano bisogno di muoversi e di ricreare i rapporti commerciali persi, anche se poi e’ sempre il mercato B2C quello che comanda  su tutto, per cui si attende un periodo piu’ florido in cui la domanda interna inizi a far lievitare la produzione.

In questa pagina voglio far emergere un’esigenza concreta, che di teorico non ha proprio nulla, proprio perche’ le tecniche di email marketing, e quindi di follow-up marketing on line, di cui sto parlando, sono utilizzate in un ambito commerciale che fa riferimento a nazioni anglofone, che totalizzano circa un miliardo di persone, e che quindi non sono di certo quelle che sono applicate nel relativo e ristretto territorio italiano.

Ma anche con riferimento all’insieme delle strategie del Follow-up Marketing, nelle quali inserire quelle del Follow-up Marketing On Line, bisogna ripensare lo stesso Follow-up Marketing in un’ottica completamente diversa da quella classica, a cui fa riferimento la maggioranza degli operatori del web, i quali ritengono che il Follow-up Marketing sia un semplice processo metodico e costante, per avere piu’ clienti e piu’ fatturato.

Qui parlo di azioni concrete che si debbono compiere con la consapevolezza che non si tratta tanto di un processo, o di un ragfforzamento di un precedente messaggio, o di una maggiore espansione dello stesso messaggio.

Si tratta invece di invece di una vera e propria mentalita’ da acquisire in prim o luogo approfondendo gli articoli del presente blog, ma anche attraverso un percorso didattico da inserire nelle materie d’aula di un qualsiasi coach.

L’acquisizione di una maggiore consapevolezza del ruolo che una strategia di follow-up marketing possa svolgere in una qualsiasi azienda, e’ auspicabile in quanto si possono realmente raggiungere dei risultati concreti in termini di acquisizione di nuova clientela ed in termini di fatturato.

Il panorama attuale e’ composto da aziende che sono ancora ancorate ad una vecchia mentalita’: quella di andare all’arrembaggio, perche’ c’e’ stato il covid e bisogna correre e fatturare senza perdere tempo a fare salamelecchi a potenziali clienti che ci hanno risposto in modo negativo.

La regola applicata e’ sempre la stessa: lascia perdere chi non compra e buttati subito dopo su di un altro target, perche’ devi far vedere che sei un venditore eccezionale, pur in un settore magari superinflazionato, dove non hai nemmeno un tuo territorio da gestire, quindi su di un target decimato da covid, dal basso fatturato per covid, o in parte chiuso per ferie, onde oltre a subire la concorrenza esterna, subisci anche quella interna dei venditori della stessa azienda.

Il corollario di questa regola dice: spara nel mucchio, cerca di allargare la rosa dei pallini, cosi ne prendi di piu’.

Tuttavia quello che ti insegnano non vale a renderti immediatamente consapevole che allargare la rosa dei pallini in sostanza vuol dire aumentare le tue spese a dismisura.

Ma questo non e’ ancora il punto focale del discorso.

Infatti, come dicevo sopra, qui si tratta di adottare una nuova mentalita’, non tanto orientata al direct marketing tout court, con le conseguenze che ho appena citato, ma orientata ad inserire nella mente del potenziale cliente, sia che voglia o che non voglia acquistare, il brand che il rappresentante sta portando avanti, e la sua stessa immagine.

Cosa voglio dire?

Che il Follow-up Marketing e’ una strategia da utilizzare in primo luogo nei confronti proprio di coloro che non vogliono assolutamente acquistare.

E’ evidente che quando hai cercato di vendere qualcosa ed anzi stai cercando di forzare la mano per convincere qualcuno, sembra che siano solo due i risultati ottenibili: o quel qualcuno compra, oppure non compra.

Ma poi ti sei mai chiesto, nel caso qualcuno compri, se l’abbia fatto perche’ non ne poteva piu’, oppure perche’ voleva solo darti una mano momentanea?

Infatti ci sono certi clienti, che, nei casi accennati o in casi simili, di sicuro non vorranno nemmeno piu’ sentir parlare di te o dell’azienda che tu rappresenti, pur avendo acquistato un bene da te venduto.

Addirittura sembra che a volte sia meglio non insistere e perdere una vendita, essendo piu’ opportuno vendere la propria immagine e quella dell’azienda e ritornare in un momento piu’ propizio, ricontattando il potenziale cliente, per cercare di dargli una maggiore soddisfazione, non solo in termini di prodotto, ma anche in termini di fiducia.

Ma questo e’ solo un caso.

Ve n’e’ un altro non meno importante, ove il bisogno di vendere, se non l’ansia di prestazione, nel lungo termine puo’ pregiudicare il brand rappresentato, in modo da danneggiarlo irreparabilmente.

Si tratta di quando, nonostante le insistenze del rappresentante, il potenziale cliente non voglia piu’ acquistare o non voglia assolutamente comprare nulla.

E dopo che il rappresentante sia andato via, ecco i commenti che di solito sono sulla bocca del potenziale cliente perso:”Il solito rappresentante che ha tentato di vendermi qualcosa, e che mi ha un po’ seccato”.

Pe evitare simili sitazioni una strategia di Follow-up Marketing di una certa lungimiranza, mira proprio ad evitare che il rappresentante lasci l’amaro in bocca al potenziale cliente visitato che non abbia acquistato nulla.

Ci si deve rendere conto che esistono molte armi per capire quando e quanto un potenziale cliente sia disposto ad acquistare, come ad esempio, tra le tante, ricorrendo alle iniziali domande chiuse, che presuppongono la risposta di un si, perche’ cio’ predispone l’interlocutore ad essere piu’ positivo, ma che ovviamente non siano banali, per evitare che lo stesso si senta preso in giro.

E poi passando alle domande aperte, in modo da far parlare il potenziale cliente, per capire esattamente quello che lui vuole o non vuole.

Anche perche’ spesso la casistica parla di elevate percentuali di venditori che hanno preso esempio dagli imbonitori televisivi, e quindi parlano e poi parlano sempre loro, fino ad annoiare l’interlocutore.

In particolare bisognerebbe cercare di non essere pedanti o insistenti, ma di essere soprattutto positivi, nel momento in cui, dalle risposte ottenute, si arguisca che il potenziale cliente, almeno per il momento, non sia disposto ad acquistare.

Insomma bisogna fare comunque una buona impressione nel potenziale cliente che non sia orientato all’acquisto, e bisogna persino rinunciare alla vendita quando magari, come gia’ accennato, e’ chiaro che l’acquisto potrebbe anche essere fatto, ma perche’ non se ne poteva piu’.

A cosa serve questa buona impressione?

Una buona impressione comporta che potrai salvaguardare la tua possibilita’ di vendere allo stesso target, ed al contempo difendere e non danneggiare irreparabilmente il brand dell’azienda che rappresenti.

Quindi una strategia di follow-up marketing ti consentira’ di ricontattare lo stesso target, che non ha acquistato al primo colpo, perche’ magari aveva dei problemi, oppure si era alzato con la luna storta, per poter ottenere, dopo diversi contatti con il medesimo target, l’agognata vendita.

Inoltre il risultato raggiunto ti consentira’ di ottenere ulteriori acquisti dal medesimo target, soddifsfatto dal tuo modo di operare, oltre che dal prodotto inizialmente venduto.

A quest’ultimo proposito ricordo che, da un lato le vendite successive alla prima sono quelle piu’ facili rispetto alla prima, poiche’ quest’ultima richiede maggiori investimenti, in termini pubblicitari, di tempo e di energie.

Ma proprio perche’ la vendita iniziale allo stesso target e’ la piu’ difficoltosa, bisogna aiutarla assumendo comunque un atteggiamento positivo e propositivo in funzione del rimandare la vendita ad un momento successivo anche piuttosto futuro e lontano, se il potenziale cliente non sia ancora sicuro.

Inoltre bisogna sempre tenere a mente che il commercio si fa con le persone e non con i prodotti, onde l’assunzione di un certo atteggiamento, che sia stato fatto proprio e quindi sia vero e credibile, serve a far capire al target che siamo li’ da lui non solo e soprattutto per avere dei soldi in cambio, ma anche per dare il nostro contributo in assistenza, aiuto, simpatia, umanita’, cercando quindi di seminare il terreno per un momento piu’ propizio, che sara’ trovato prima o poi grazie al continuo contatto, ovviamente mai esagerato in termini di frequenza e di invadenza.

Per poter utilizzare in pieno le potenzialita’ del Follow-up Marketing, bisogna prendere atto che i livelli del Follow-up Marketing sono due.

Il primo consiste nel ricontatto del target che non ha acquistato al primo colpo, attraverso i soliti canali, quali la telefonata, magari condita con l’invito a bere un caffe’, o ad una apericena, o ad una cena vera e propria, oppure l’invio di un messaggio cartaceo, o anche la semplice visita, specialmente quella fatta nei giorni fatidici dedicati al ricevimento dei rappresentanti, altrimenti si puo’ inviare un semplice messaggio e-mail spedito dal proprio smartphone, ogni tanto.

Il messaggio e-mail o il messaggio cartaceo potrebbero benissimo essere inviati anche in occasioni particolari, quali il compleanno del potenziale cliente, od anche le festivita’.

Il secondo livello del Follow-up Marketing assume un connotato particolare che lo distingue dal primo in quanto lo si puo’ definire come Follow-up Marketing On Line, oggetto del presente blog.

Esso e’ strutturalmente composto dall’invio continuo, con intervalli di tempo ben definiti, di messaggi e-mail che possono avere per oggetto una materia specifica piuttosto delineata oppure un settore individuato, che abbia un ambito piuttosto ampio e che possa procurare materiale di invio di email continui.

Ed e’ chiaro che la distizione sottesa faccia riferimento al primo caso follow-up marketing on line tramite messaggi sequenziali in follow-up, o consecutivi, aventi per oggetto delle strategie di direct marketing, ed al secondo caso, consistente nella newsletter, ove invece del direct marketing predomina l’interesse a portare avanti un discorso incentrato sul brand piuttosto che su di un tentativo via email di vendita diretta, anche se poi, a ben guardare, il fine ultimo e’ pur sempre quello di far incrementare il proprio fatturato.

Aldila’ delle distinzioni quello che piu’ interessa capire da questi due livelli, e’ che, indipendentemente dal fatto che si voglia vendere o compiere azioni di branding, comunque il comportamento del venditore, o del mittente, deve essere quello improntato a non ricercare la vendita ad ogni costo e a non trasformare la propria e-mail in un mero volantino pubblicitario.

Quello che qui interessa e’ far si che il potenziale cliente si senta al centro dell’attenzione in modo che capisca che noi ci ricordiamo di lui, che lui e’ al centro della nostra attenzione, in modo che anche lui si ricordi di noi.

E tutto cio’ spiega chiaramente anche riguardo agli effetti piuttosto positivi che si possano ottenere attraverso lo strumento piu’ efficace che ci sia, ed al contempo il piu’ economico, e cioe’ il passaparola, che verra’ proprio utilizzato anche da coloro che, pur non acquirenti al primo colpo, si siano sentiti soddisfatti dopo il primo acquisto.

Per quanto riguarda le distinzioni interne al secondo livello del Follow-up Marketing, come quella tra follow-up di messaggi di direct marketing e newsletter, faccio riferimento ai miei articoli sull’argomento, che compongono i corsi sul Follow-up Marketing On Line.

CHI SONO

Segnato da esperienze piuttosto negative indelebili in eta’ di fanciullo ed adolescente, ho dedicato la mia vita alla causa degli ultimi, soprattutto nel periodo universitario e…

…durante il servizio militare nei Carabinieri, svolto presso le Stazioni CC di Seriate e di Bagnolo Mella.

Dopo un servizio militare in cui mi sono distinto per spirito di dedizione e per averlo svolto con onore, sono rimasto talmente affezionato all’Arma dei Carabinieri, che sono ormai piu’di 30 anni che sono iscritto come socio dell’Associazione Nazionale Carabinieri, presso la sezione di Brescia.

Durante il periodo universitario sono stato un libero professionista dedito nell’attivita’ di visurista presso le Conservatorie dei Registri Immobiliari e gli Uffici del Registro, oltre al Catasto, di Brescia e provincia.

Nel 1988 mi sono impegnato politicamente con la Democrazia Cristiana, in cui mi sono distinto per avere sempre avuto come scopo della mia vita quello di cercare di aiutare le persone in difficolta’ o piu’ sfortunate di me, tentando di esorcizzare i mali subiti da bambino, che tutt’ora ancora mi perseguitano nel mio intimo.

Sempre nell’ottica di cercare di aiutare il prossimo, nel 1988 ho iniziato a frequentare un circolo dell’Opus Dei, presso il quale fui invitato da un attuale illustre Pubblico Ministero della DIA, e di cui non faccio il nome, per ovvi motivi di riservatezza, del quale circolo sono divenuto membro soprannumerario e dove ho cercato soprattutto di aiutare le matricole universitarie, ad affrontare gli esami piu’ difficoltosi ed a organizzare il loro piano studi, al fine di aiutarli nella scelta della loro futura specializzazione in determinate materie di diritto.

Coerentemente con quell’idea, ho partecipato alla creazione dell’Associazione Studenti di Giurisprudenza di Brescia, per poter assistere gli studenti che necessitavano di un particolare supporto, dato che a Brescia la facolta’ di Giurisprudenza non esisteva ancora, e gli studenti erano distribuiti tra le varie facolta’ di Milano, Parma, Pavia, Padova e Urbino.

Con quell’idea di cercare di aiutare il prossimo, ho passato alcune feste natalizie per piu’ anni, a cucinare e servire gli ospiti della Casa di San Vincenzo, posta ai piedi del Colle Cidneo.

Nel 1992 ho preso la Laurea in Giurisprudenza, presso la Facolta’ di Milano Statale ed ho iniziato immediatamente la pratica forense e dopo un anno, l’11 novembre 1993, ho ottenuto di poter svolgere il ministero di difensore, presso le Preture ed i Giudici Conciliatori del Distretto di Corte d’Appello di Brescia, previo il giuramento solenne, innanzi al Presidente del Tribunale di Brescia, di voler adempiere a tale compito con il massimo rispetto per il Diritto, le Istituzioni Giudiziarie ed i colleghi di lavoro.

Al contempo ho frequentato i corsi per la preparazione al concorso di magistrato, tenuti a Milano dal Prof. Avv. Vincenzo Mariconda.

Dopo 4 anni di pratica, di studi e di concorsi, a causa di un grave incidente, abbandonai tale carriera, e nel 1996 ho scelto di intraprendere la strada del rappresentante, arrivando alle due mete principali che di solito si raggiungono dopo una tale attivita’, quella di direttore commerciale e di titolare d’azienda.

Qui trovi il mio Curriculum Vitae.

Contemporaneamente, grazie all’ispirazione, ai consigli e all’aiuto ricevuto, nell’approfondimento della mia passione per il mondo dell’Information Technology, da un illustre zio, ai corsi di informatica frequentati durante il servizio militare di leva, per aiutare il comandante della Stazione dei Carabinieri di Seriate, dove ero carabiniere ausiliario, mi appassionai allo studio del webmarketing.

Poi mi sono anche sposato, separato, ma ho due figlie che sono una piu’ bella dell’altra.

Avendo studiato l’Inglese fin dalle elementari, ho potuto approfondire il webmarketing, facendo ricorso alla vasta letteratura proveniente dagli USA.

Ed ho approfondito la conoscenza di decine, forse centinaia di software dedicati al tema del webmarketing, in circa 24 anni.

Inoltre le esperienze piu’ significative che ho avuto durante la mia esperienza di venditore, come agente di commercio enasarco, mi hanno orientato gradualmente anche ad affrontare la materia del marketing, ed a fare dei corsi specifici, che mi dessero supporto nella mia attivita’ di rappresentante.

In seguito nel 2003 iniziai a coltivare quello che e’ stato il mio originario core business, e cioe’ la redazione di recensioni sui vari software autoresponder per e-mail marketing.

Nel 2005, sulla scorta delle mie esperienze di venditore, dalle quali imparai che i migliori clienti li fidelizzi grazie al continuo contatto protratto nel tempo e grazie ai suggerimenti di un amico carissimo, Steve Hetrick, purtroppo scomparso nel gennaio del 2011, ho creato il mio principale core business, e cioe’ la consulenza sul Follow-up Marketing On Line, che si basa sia sull’e-mail marketing che sul follow-up marketing.

Mi resi conto che il continuo ricontattare i potenziali clienti nella vendita off line era una tecnica che poteva funzionare altrettanto bene nella vendita on line, attraverso l’invio di una serie sequenziale di messaggi e-mail.

E tutto cio’ si fonda sull’idea centrale del follow-up marketing, e cioe’ che per incrementare il tuo fatturato, non devi aspettare che arrivino i clienti da soli, ma li devi andare a cercare, ed una volta trovate delle persone che sembrino un minimo interessate, devi continuare a contattarle, fino a convertirle in clienti fidelizzati.

Con il presente blog, che ho creato in piena emergenza covid-19, agli inizi di marzo 2020, la recensione dei programmi sull’e-mail marketing ed il follow-up marketing on line rappresentano tutt’ora, dopo 17 anni, la mia tradizione commerciale, il mio essere sul web.

Infatti e’ da allora che scrivo recensioni sui software autoresponder per e-mail marketing e che ne verifico funzionamento, per permettere ai visitatori di provarli e magari anche di acquistarli, lucrandoci una commissione grazie al rapporto di affiliazione.

Uno dei primi software, che ho trovato nel 2003 e che ho recensito ed utilizzato, e’ stato l’autoresponder Mailloop, creato da quel grande canadese di nome Corey Rudl, fondatore del gruppo The Internet Marketing Center, scomparso prematuramente e tragicamente in un incidente automobilistico nel circuito sportivo di La Jolla, California, USA, il 2 giugno 2005.

Mailloop era un software autoresponder che poteva essere installato sul proprio computer.

Diciamo che era piu’ un software per inviare migliaia di e-mail in un sol colpo, ma anche un autoresponder di ricezione automatica.

Tuttavia per poter utilizzare una funzione del genere con molta piu’ efficacia, avresti dovuto trasformare il tuo computer in un server client di ingresso e-mail, cosa piuttosto costosa e poco raccomandabile per evidenti problematiche di sicurezza, ed inoltre a quei tempi, l’utilizzo diffuso di Outlook Express o anche di Microsoft Outlook mal si prestava alla ricezione di messaggi di conferma di iscrizioni o di cancellazioni alla tua lista, per insufficienza di risorse interne al software ed al computer stesso.

Peraltro con il diffondersi della posta elettronica, crebbe a dismisura il fenomeno dello spam, a cui si dette subito un primo rimedio, proprio cercando di bloccare tutti quei messaggi che non provenissero da server certificati.

E men che meno avrebbero potuto essere inviati da computer privati, e sotto questo profilo, il blocco dei propri messaggi e del numero ip del proprio computer, era una realta’ ormai indiscutibile ed inevitabile.

Anche perche’ era la stessa societa’ telefonica piu’ importante del momento, la Telecom, quella che avrebbe potuto segnalarti come spammer o bloccarti.

Da Corey acquistai anche il software Desktop Marketer, per comunicare con i miei iscritti direttamente sul loro desktop, ma tale strategia non ebbe molto successo, anche per le ripercussioni negative e molto evidenti sulla privacy, ed anche relativamente al pericolo, costituito da tale software, di essere potenzialmente un ausilio per eventuale pirati che volessero approfittare di tale piattaforma per accedere al computer degli iscritti.

Poi venne il turno degli autoresponder compilati in php, installabili su server remoto, soprattutto piattaforme Linux-Unix, che garantivano anche una certa sicurezza a costi decisamente inferiori, rispetto alle piattaforme Windows, fra l’altro anche prese di mira molto piu’ spesso dagli hacker piu’ spregiudicati.

Tra i primi ad immettere sul mercato un programma di quel genere, troviamo una casa australiana, la Interspire, che si fece conoscere per un prodotto piuttosto semplice, e dotato di alcune funzioni importanti, e cioe’ SendStudio, ma non ancora il top della gamma, e mi feci restituire il danaro speso.

Dopo poco tempo provai il software autoresponder creato da Enrico Madrigrano, E-m@nager, che aveva comunque dei costi proibitivi, ma che era molto simile al SendStudio di allora, onde chiesi anche in questo caso la restituzione di quanto pagato.

Anche E-m@nager e’ stato uno dei primi software da installare su server remoto.

Qualche tempo dopo volli provare l’autoresponder Email Marketing Assistant, di Kalptaru InfoTech.

Software che era non molto performante, tuttavia con un prezzo molto abbordabile, ma anche in questo caso chiesi la restituzione del pagato.

Fu cosi’ che conobbi un’altra piccola azienda americana, diretta da un lungimirante personaggio, Radhika Venkata, che mi propose il suo AutoresponderPro, che trovai nel suo sito scripts4webmasters.com, e che utilizzai per un certo tempo, finche’ mi accorsi di alcuni malfunzionamenti e di alcune vistose lacune

Inevitabilmente chiesi di essere rifuso.

Ritornando indietro nel tempo, nel 2003 iniziai ad acquistare servizi di hosting su server Linux-Unix.

La prima azienda di hosting fu la Consulting Web, italiana, anch’essa sparita dal mercato, o riciclatasi sotto altro brand, con cui iniziai a farmi le ossa, creando il mio primo sito web, The 1stwebmarketingspot.com.

Così iniziai pensare che forse i fornitori degli Stati Uniti fossero piu’ abbordabili, ed al contempo offrissero prestazioni piu’ performanti.

Tuttavia in Amrica non trovai immediatamente delle aziende con un buon rapporto qualita’/prezzo.

La Next Generation Company, fu una di quelle a praticare dei prezzi piuttosto abbordabili, ma con una qualita’ molto discutibile, ed attualmente non e’ piu’ esistente.

D’altro canto conobbi una persona molto in gamba, Jeremy Martinez, ex ufficiale dei Navy Seals, attuale dirigente di Ebay, che rivende servizi di hosting di Hit Director.

Era sempre molto disponibile, i suoi servizi erano molto efficienti, ma a prezzi che non erano proprio a buon mercato.

Siamo verso la meta’ del 2005, e conobbi on line Steve Hetrick, una persona davvero squisita, che divenne mio fornitore di un software autoresponder, AdTrackAutoResponderPro, per circa un anno e di servizi di hosting, fino al 2011, quando venne stroncato da un malore improvviso.

DataWebPRo era il logo dell’azienda che forniva servizi di web hosting, di Steve Hetrick .

I miss you so much Steve

Ho ricevuto da lui dei servizi esemplari a costi contenuti, e fu lui che mi introdusse nella conoscenza del sistema WHM e di cPanel, ma poi era anche sempre disponibile per telefono e sempre pronto a suggerirti utilissimi consigli per il tuo webmarketing, senza mai chiederti nulla in cambio.

Fu cosi’ che per un certo periodo, utilizzai, oltre ai suoi servizi di hosting, anche il suo autoresponder software AdTrackAutoResponderPro, che era eccellente, un software robusto, compilato interamente in php, uno dei primi ad essre dotato di un efficente programma di affiliazione, ma soprattutto di un efficacissimo dispositivo per il tracciamento dei comportamenti degli iscritti, e quindi delle aperture e dei click through, e che utilizzai fino al giugno del 2006.

Dopodiche’ Steve Hetrick cedette il suo software ad un certo Abitino Lao, e quindi, come di solito accade, quando un software passa di mano, il successo del prodotto, che si e’ basato sulla persona che lo ha ceduto, potrebbe venir meno se l’acquirente non si dimostri altrettanto lungimirante e competente in marketing.

Quindi il cessionario non era uno che avesse la statura commerciale di Steve, e non era nemmeno molto disponibile, onde fui costretto ad abbandonare il software, dopo circa un anno di utilizzo.

E comunque Steve, che aveva il bernoccolo degli affari, era stato uno dei primi, in America, a capire che ormai i software installati su server remoto, come il suo ed i precedenti che ho menzionato, i cd. self hosted, non avrebbero avuto una vita facile, perche’ sarebbero stati ben presto soppiantati dai programmi installati su server proprietari, come Aweber, GetResponse, MailChimp, i cd. servizi esterni di email marketing a canone mensile.

Piu’ o meno un anno prima di lasciarci le penne in auto, lo stesso Corey Rudl capi’ che era venuto il momento di affrontare il mercato con un prodotto simile ai software installati su server proprietario, e creo’ iContact, che ha avuto una buona diffusione, ma non ebbe il successo degli altri 3 precedentemente menzionati, dato che chi gli successe non aveva la sua grandezza, tanto che lo stesso gruppo, The Internet Marketing Center, chiuse inesorabilmente.

Ma continuai ad utilizzare i servizi di hosting di Steve Hetrick, fino alla fine del 2011, e che poi lasciai perche’ quest’ultimo passo’ a miglior vita, ed io ero persino incappato nel non poter affrontare gli impegni assunti con i clienti, perche’ per suo tramite divenni rivenditore di servizi di hosting e anche creatore di siti e blog per vari clienti.

A luglio del 2006, conobbi un’altra azienda statunitense, la ActiveCampaign, di Chicago, Illinois, USA, che mi propose di acquistare e recensire 1-2-All, un superbo autoresponder, anche questo composto interamente in php.

Ne ero talmente contento che decisi di tenerlo e di acquistarlo, e lo utilizzai fino a meta’ del 2007.

Quel software aveva la caratteristica che la sua parte amministrativa poteva essere tradotta completamente in Italiano, ed in tutte le lingue basate sulla convenzione utf.

Percio’ mi impegnai a tradurre oltre 60 pagine fitte in formato a4, allo scopo di promuoverlo in Italia.

Finalmente avevo trovato un programma che mi avrebbe consentito di vendere e guadagnare qualcosa in piu’, attraverso lo strumento dell’affiliazione e grazie all’esperienza che stavo accumulando in materia di revisione dei software.

Ma anche i signori di ActiveCampaign si resero conto che i programmi da installare su server remoto non avevano alcuna chance di successo rispetto ai software installati su server proprietari.

Onde fui costretto a lasciare quell’impegno perche’ ActiveCampaign si diresse verso la vendita di servizi esterni di e-mail marketing, come Aweber, GetResponse, etc.

Certo e’ che io stesso non ero ancora riuscito a capire le esigenze del mercato.

Me ne resi conto qualche anno dopo.

il problema cruciale era proprio questo: che da un lato le aziende, pur piccole, o anche medie, o grandi, non sentivano ancora l’esigenza di avere un programma autoresponder.

Anche se si e’ capito che il risparmio di tempo era notevole, rispetto all’utilizzo dei classici programmi, come Microsoft Outlook, con i suoi problemi derivanti dal continuo copia e incolla dei dati dei destinatari.

Dall’altro il target principale di questi programmi autoresponder e’ sempre stato rappresentato, almeno fino ad una certa epoca, piuttosto recente, dalle classiche home based business.

Tradizione nata, come al solito, negli Stati Uniti, quella dell’home based business, si fonda sul lavoro indipendente della classica madre di famiglia, o dello studente universitario che vuole iniziare a racimolare qualcosa, creando e vendendo e-book che descrivano il sistema con cui risolvere un problema impellente, sentito da un certo target piuttosto segmentato.

In poche parole quella tradizione si puo’ chiamare info-marketing, cioe’ la vendita di informazioni essenziali per via telematica, e che e’ stata importata in Italia con successo da Italo Cillo, uno dei maggiori sponsor di Aweber.

Certamente la totalita’ degli operatori home based business ha iniziato a fare infomarketing utilizzando dei software autoresponder da installare su di un proprio server remoto, acquisito tramite servizi di hosting.

Ma divenne pressante un problema, e cioe’ che quegli operatori erano costretti a compiere degli sforzi notevoli per acquisire la conoscenza informatica necessaria per affrontare piattaforme come WHM, cPanel, oppure problemi come creazione di cronjob, sprecando tempo prezioso da utilizzare per il webmarketing.

I piu’ organizzati, anche economicamente, preferivano investire delegando degli informatici specializzati per affrontare quei problemi.

Nel complesso si arrivo’ alla conclusione che in ogni caso vi fossero perdite enormi di tempo, energie e soprattutto anche di denaro.

Il problema fu talmente sentito che arrivo’ in America ad essere il piu’ gettonato su tutti i forum e social media.

Finche’ si risolse con la creazione di software che erano installati sui server privati di coloro che offrivano tali servizi.

Finalmente meno sprechi, e solo attivita’ di marketing.

Anche in Italia, con Italo Cillo, si e’ arrivati alle medesime conclusioni, e la sua fama ha avuto il merito di diffondere programmi autoresponder come Aweber.

Italo Cillo ha iniziato a diffondere le sue idee in Italia in merito all’utilizzo di software come Aweber e all’infomarketing gia’ nel 2008, nel periodo della grande crisi bancaria americana degli immobili e dei titoli derivati collegati.

In seguito a tale crisi furono moltissimi gli americani che si convertirono in titolari di home based business, proprio per affrontare le difficolta’ economiche dovute a quella crisi.

E lo stesso Italo Cillo capi’ che i risparmi notevoli, soprattutto in termini di tempo, avrebbero consentito la diffusione di Aweber anche in Italia.

Cosicche’ lui creo’ il Nuovo Internet Marketing, essenzialmente basato sull’home based business e sull’info-marketing, come risorsa essenziale che garantisse l’indipendenza economica, senza investire grandi capitali, a madri di famiglia, disoccupati, etc.

Purtroppo anche Italo Cillo ci ha lasciati qualche anno fa.

Certo e’ che i servizi, come Aweber, suscitarono parecchie polemiche, a causa dei costi crescenti in base al numero dei destinatari componenti delle liste, o dei costi fissi mensili a prescindere se fai invii o meno.

Quindi si imposero sul mercato anche software dello stesso genere, piu’ a buon mercato, come GetResponse, o anche come MailChimp, che puo’ essere anche utilizzato gratuitamente, purche’ ne accetti i messaggi pubblicitari.

D’altro canto non esistevano solo home based business, ma anche aziende, piccole o medie, che potevano dedicare il loro personale alla gestione dell’e-mail marketing, ma che avevano piu’ interesse ad investire danaro piuttosto che a sprecare tempo da dedicare alle problematiche connesse alla gestione di un programma autoresponder installato in un server remoto.

Siamo arrivati al settembre 2007, e dopo la chiusura della mia collaborazione con ActiveChampaign, mi impegnai con il solito software autoresponder da installare su server remoto, da me trovato su internet e dal quale sono rimasto molto soddisfatto.

Il software autoresponder in questione si chiamava AutoResponse Plus, o piu’ brevemente ARP3, ed era stato creato da Neil Morgan, di Strathaven, Scozia, titolare di una societa’, ECom24, che, oltre a quel software, gestiva applicazioni anche per cliniche ed ospedali.

Diciamo che per lui ARP3 era soprattutto un passatempo, un momento di svago, e che le sue entrate economiche principali erano rappresentate da quelle applicazioni informatiche ospedaliere, il suo core business.

In ogni caso, oltre ad essere un gran signore, nei suoi video sentivi una grande umanita’ per la sua chiarezza espositiva.

ARP3 era un gran software, concepito attraverso l’unione di due linguaggi, dei quali uno era il php e l’altro il Perl.

E poi costava 197 dollari, e la sua licenza consentiva la sua installazione per 10 nomi dominio.

Cioe’ letteralmente se avessi avuto 10 domini, con altrettanti siti web, per ciascuno di essi avrei speso una volta sola e per sempre 19.70 dollari, salvo gli aggiornamenti annuali, che venivano intorno ai 49.50 dollari.

Nel 2008, avevo creato con grande cura il mio sito web Autoresponders-Review.net (che puoi trovare ancora nel database mondiale dei siti memorizzati fin dal 1999, e dove potrai trovare tutti i siti da me creati e che ho in precedenza menzionato) inserendo, nelle sue pagine, dei form per l’iscrizione ai miei follow-up via e-mail, e chiedendo ai visitatori di lasciarmi il loro nome ed indirizzo e-mail, in cambio di un Mini Corso sul Follow-up Marketing.

Il sito in automatico mi procuro’ nel 2009 4 clienti, tra i quali, un’azienda pugliese, della quale non ho saputo piu’ nulla, un webmarketer di nome Luca Boccalate piuttosto conosciuto (www.marketingtoolclub.com), un produttore di olio del Molise, Michele Ciccarelli, titolare della ditta Frantoio Ciccarelli (www.frantoiociccarelli.it), e Denny Natale, Fitness Manager Coach e fondatore di un network on line per la fornitura di servizi di consulenza ed assistenza alle palestre di ginnastica di tutta Italia, la Fitness Manager Academy (www.inforfit.com).

Neil Morgan ha proceduto nel 2013 ad un upgrade notevole, passando da ARP3 ad arpReach, software piuttosto robusto, e compilato interamente in php.

Denny Natale ha dopo qualche anno deciso di affidarsi alla semplicita’ di MailChimp, ma nel 2013 ha proceduto all’aggiornamento da ARP3 ad arpReach.

Denny Natale

Non ho piu’ sentito Luca Boccalate, ma ci risentiremo a breve, ed anche lui ha fatto l’aggiornamento ad arpReach.

Luca Boccalate

Ciccarelli ha proceduto ugualmente all’aggiornamento del software nel 2013, ma non so attualmente se utilizzi ancora arpReach.

Michele Ciccarelli

Quest’ultimo si e’ avvalso comunque della mia consulenza per la creazione della sua pagina di vendita, che troverete consultando www.frantoiociccarelli.it.

L’attuale Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line era un e-book di circa 75 pagine, che si chiamava Mini Corso sul Followup Marketing, che abbiamo appena visto, e che avevo iniziato a scrivere, gia’ verso la fine del 2007, sulla scorta di un piccolo corso in 7 lezioni, creato dallo stesso Neil Morgan, ed inviatomi come primo esempio pratico di un follow-up, ricevuto nella mia casella di posta elettronica, in 7 giorni.

Dopo 13 anni, siamo nel 2020, quel corso ha raggiunto le 507 pagine, ma molto verra’ aggiornato, eliminato e/o sintetizzato.

Nel 2011, a causa del decesso di Steve Hetrick, persi il dominio AutoResponders-Review.net., dato che non esisteva nessun altro che potesse sostituirlo nella gestione del suo business, in modo che io riuscissi a trasferire il dominio presso un altro gestore di servizi di hosting.

In piu’ accadde che il dominio venne acquistato per una cicca di tabacco, e quando chiesi all’acquirente il prezzo per la cessione, mi chiese 1500 dollari…

Mi ripresi nel 2012 , con l’acquisto dei servizi di hosting di HostGator, che negli ultimi anni ho riutilizzato, non con molta costanza, ed ho creato il dominio AutoResponderFollowup.net, ed ho proceduto anche all’aggiornamento da ARP3 ad arpReach, che, grazie a Neil Morgan, per me era gratuito, come gratuiti erano tutti gli update annuali.

Inoltre lo stesso mi ha concesso ben 24 licenze di arpReach, che avrei potuto gestire a mio piacimento, anche magari creando delle licenze gratuite a tempo determinato per stimolare l’interesse all’acquisto di eventuali richiedenti.

Con AutoResponderFollowup ho avuto modo di creare un video sul follow-up marketing on line, dove ho parlato diffusamente di arpReach, ed era il primo di 8 video che poi non ho piu’ pubblicato, e potrai visualizzare altri due video che hanno per oggetto scaricamento ed installazione di arpReach, poi ho creato 22 slide, pubblicate su SlideShare, dedicate alla creazione di follow-up attraverso l’uso di Email Marketer di Interspire e di arpReach, che potrai trovare qui:

Alcuni contenuti o funzionalita’ di questo sito non sono disponibili a causa delle tue preferenze in materia di cookie!

Questo accade perche’ le funzionalita’ ed i contenuti contrassegnati come “Google Youtube” utilizzano cookie che tu hai scelto di non abilitare. Allo scopo di visualizzare tali contenuti o di utilizzare queste funzionaliota’, ti chiedo gentilmente di abilitare i cookie, grazie: Clicca qui per scegliere le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalita’ di questo sito non sono disponibili a causa delle tue preferenze in materia di cookie!

Questo accade perche’ le funzionalita’ ed i contenuti contrassegnati come “Google Youtube” utilizzano cookie che tu hai scelto di non abilitare. Allo scopo di visualizzare tali contenuti o di utilizzare queste funzionaliota’, ti chiedo gentilmente di abilitare i cookie, grazie: Clicca qui per scegliere le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalita’ di questo sito non sono disponibili a causa delle tue preferenze in materia di cookie!

Questo accade perche’ le funzionalita’ ed i contenuti contrassegnati come “Google Youtube” utilizzano cookie che tu hai scelto di non abilitare. Allo scopo di visualizzare tali contenuti o di utilizzare queste funzionaliota’, ti chiedo gentilmente di abilitare i cookie, grazie: Clicca qui per scegliere le tue preferenze sui cookie.

Nel 2015 Neil Morgan ha venduto arpReach alla Mutual Advantage Ltd.

Ultimamente, soprattutto in questo periodo di soggiorno obbligato in casa, a causa del Covid-19, ho deciso di dedicarmi di nuovo al webmarketing, ed ho acquistato Email Marketer, e lo sto provando e riprovando per confrontarlo con arpReach.

Ma non c’e’ niente da fare, The King Of Autoresponders installati su server remoto o detti self hosted e’ sempre lui, arpReach.

Dove sono

Sergio Traversa, Via Cefalonia 32 – 25124 – Brescia – Italy

Alcuni contenuti o funzionalita’ di questo sito non sono disponibili a causa delle tue preferenze in materia di cookie!

Questo accade perche’ le funzionalita’ ed i contenuti contrassegnati come “Google Maps” utilizzano cookie che tu hai scelto di non abilitare. Allo scopo di visualizzare tali contenuti o di utilizzare queste funzionaliota’, ti chiedo gentilmente di abilitare i cookie, grazie: Clicca qui per scegliere le tue preferenze sui cookie.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Alcuni contenuti o funzionalita’ di questo sito non sono disponibili a causa delle tue preferenze in materia di cookie!

Questo accade perche’ le funzionalita’ ed i contenuti contrassegnati come “Google Maps” utilizzano cookie che tu hai scelto di non abilitare. Allo scopo di visualizzare tali contenuti o di utilizzare queste funzionaliota’, ti chiedo gentilmente di abilitare i cookie, grazie: Clicca qui per scegliere le tue preferenze sui cookie.

Sergio Traversa, Via Cefalonia 32 – 25124 – Brescia – Italy

Visualizzazione ingrandita della mappa

Contattami

  • Via Cefalonia 32 – 25124 – Brescia – Italy
  • Tel. +39 030 221165
  • Mob. +39 3356470151
  • https://www.sergiotraversa.com
  • Skype sergio_traversa

Come ho approfondito le basi del Web Marketing

La mia preparazione nel campo del webmarketing ha origini lontane nel tempo, e risale a quando ero piu’ che un fanciullo di 10 anni, quando un mio illustre e famoso zio, Mario Nicola Armenise, allora professore di Informatica e di elettronica, mi portava spesso in Universita’ e mi mostrava quei giganti che elaboravano dati con le schede perforate, fino a mostrarmi vere e proprie opere d’arte raffiguranti animali o ritratti, composti solo da lettere dell’alfabeto, grazie all’utilizzo di semplici programmi come il Fortran o il Cobol.

In seguito, negli anni, mia passione si sviluppo’ molto precocemente fino ad essere appassionato quando gli altri uscivano a giocare a cicotti o a pallone.

Durante il servizio militare approdai ad alcuni corsi impartiti dalla Olivetti di Seriate, ove ero Carabiniere Ausiliario e poi nel 2001 iniziai a studiare i corsi di web marketing impartiti da Enrico Madrigrano, pioniere del web marketing in Italia, colui il quale ha importato tutto cio’ che veniva creato negli USA, ma poi rielaborandolo per adattarlo al mercato italiano, attraverso la sua famosissima web agency, Madri Internet Marketing.

I seguenti corsi che ho frequentato sono strutturati su cd multimediali, anziche’ frequentare le varie open house, in quanto preferibili perche’ avevo la possibilita’ di rivederli e di ristudiarli a seconda delle mie disponibilita’ di tempo.

Cio’ non toglie che mi piacerebbe frequentare i vari corsi in openhouse perche’ sicuramente sono molto piu’ entusiasmanti per via della presenza di persone appassionate, di una certa professionalita’, in quanto incaricati da societa’, come la Barilla, o la Pirelli, di impadronirsi di tutte le cognizioni che Enrico Madrigrano puo’ insegnarti con competenza, serieta’ e professionalita’.

Ecco qui sotto i corsi principali di Enrico Madrigrano, di cui ho acquistato i cd multimediali.

Corsi di web marketing frequentati

Servizi gratuiti, privacy, cookie e antispam policy

Sommario:

1 – Iscrizione e consenso alla ricezione di servizi gratuiti nonche’ di offerte e promozioni commerciali

2 – Privacy policy e cookie policy

3 – Brevi informazioni sulla privacy

4 – Anti spam policy

5 – Cancellazione dai servizi

6 – Cambio di indirizzo

7 – Gestione autonoma dei propri dati di iscrizione

1 – Iscrizione e consenso alla ricezione di servizi gratuiti nonche’ di offerte e promozioni commerciali relative esclusivamente a prodotti e/o servizi di terzi

Puoi iscriverti inserendo il tuo nome ed il tuo e-mail nei moduli di iscrizione, cliccando sul pulsante di invio Ok! =>Iscrivimi Gratis!

L’iscrizione ai servizi e’ gratuita!

Lasciami i tuoi dati e potrai scaricare omaggi e novita’, promozioni e nuove offerte irresistibili concernenti soltanto prodotti e/o servizi di terzi.

Dal momento della tua iscrizione riceverai gratuitamente le lezioni di tutti i corsi, ai quali ti sarai iscritto, contenute in messaggi e-mail, che giungeranno nella tua casella di posta elettronica tre volte alla settimana, il lunedi, il mercoledi ed il venerdi, per una durata che potra’ variare dai 12 ai 18 mesi, per i corsi avanzati, altrimenti dalle 4 alle 6 settimane, per i corsi base.

Alla fine delle lezioni di ogni corso potrai scaricare gratuitamente la sua versione integrale, come e-book in formato pdf.

Con i servizi gratuiti avrai a disposizione i miei aggiornamenti mensili, quando necessari.

I dati degli utenti iscritti alle mie liste sono raccolti esclusivamente tramite l’inserimento, da parte degli utenti, del loro nome e del loro indirizzo e-mail, nei moduli di iscrizione contenuti nel presente blog.

La mia privacy policy prevede la richiesta del consenso al trattamento dati che consegue con l’iscrizione ai miei corsi gratuiti, via e-mail o inseriti sulle pagine del presente blog, oppure condensati in e-book gratuiti e contemporaneamente la richiesta del consenso affinche’ i miei corsi, i miei follow-up di messaggi e gli articoli del blog possano proporre offerte e promozioni commerciali su prodotti e/o servizi di terzi.

Le mie proposte commerciali hanno per oggetto prodotti e/o servizi appartenenti all’area del webmarketing e dell’informatica, e possono riguardare software di video-scrittura, di composizione video, di creazione blog, di posta elettronica, etc., quindi molto simili tra di loro.

Questo comporta che se l’acquirente di un prodotto e/o un servizio di terzi, mi fornisca anche il suo indirizzo di posta elettronica per confermare l’acquisto e prendere conoscenza che gli inviero’ delle promozioni commerciali su altri prodotti e/o servizi di terzi, il suo comportamento verra’ considerato come consenso implicito a tale invio, in base alle norme del GDPR europeo, come integrato dalle norme italiane concernenti il legittimo interesse

I prodotti e/o servizi oggetto delle mie offerte e promozioni commerciali, potranno essere forniti da aziende italiane ed estere, con le quali ho stabilito un rapporto commerciale di affiliazione.

Pur essendo simili tra di loro, tali prodotti e servizi non sono analoghi alle informazioni gratuite, che vengono fornite con i corsi via follow-up o via blog, o con gli e-book.

Infatti tali informazioni sono cedute gratuitamente in cambio del nome e dell’indirizzo e-mail dell’iscritto, ed in tal caso il consenso dell’iscritto al trattamento dati e’ stato prestato allo scopo esclusivo di ricevere delle informazioni gratuite sotto forma di messaggi e-mail, articoli del blog ed e-book, e non di ricevere offerte e promozioni commerciali.

Percio’ il consenso iniziale, circoscritto all’invio di informazioni gratuite, non si estende automaticamente anche all’invio di eventuali offerte e promozioni commerciali.

Per estendere il consenso anche all’invio di offerte e promozioni commerciali di terzi, esso viene richiesto direttamente nei moduli di iscrizione, con l’inserimento di una casella checkbox da spuntare, che richiama l’attenzione alla mia privacy policy, ed in particolare, ai contenuti di questa pagina riassuntiva, che spiega chiaramente quello che l’iscrizione alle mie liste comporti.

Il destinatario iscritto ai corsi potra’ opporsi a qualsiasi trattamento, revocando qualsiasi consenso prestato in qualsiasi tempo.

Naturalmente la revoca del consenso comporta in ogni caso l’impossibilita’ della continuazione del rapporto, onde tutti i dati dell’iscritto saranno cancellati.

2 – Privacy policy e cookie policy

Io difendo la tua privacy!

Le informazioni fornite sono raccolte al solo scopo di proporti offerte e novita’ di sicuro interesse dal mondo dell’e-mail marketing e del webmarketing.

I tuoi dati non saranno mai condivisi o ceduti a terzi (anche noi odiamo lo spam) e potrai cancellare la tua iscrizione con un semplice clic del mouse!

L’iscrizione alle nostre liste presuppone il tuo consenso al trattamento dati allo scopo di ricevere dei corsi gratuiti, e il tuo consenso per il ricevimento di offerte e promozioni commerciali!

Potrai chiedere informazioni sul trattamento dati a norma della legge sulla Privacy e del DGRP europeo.

3 – Brevi informazioni sulla privacy

Ai sensi dell’articolo 13 del Codice in materia di dati personali e del DGRP europeo, ti informo che il trattamento dei tuoi dati personali, comprensivi di nome, cognome ed indirizzo di posta elettronica, forniti a me con l’iscrizione a questa newsletter, sara’ effettuato presso il sottoscritto responsabile del trattamento, Sergio Traversa, in Brescia, 25124, Via Cefalonia, 32, con l’utilizzo di procedure anche informatizzate, nei modi e nei limiti necessari per perseguire le predette finalita’.

Il conferimento dei dati ed il doppio consenso sono necessari per l’iscrizione ai corsi ed ai follow-up del presente blog e per ricevere offerte e promozioni commerciali di terzi.

Agli interessati sono riconosciuti i diritti di cui all’articolo 7 del citato Codice e in particolare il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonche’ di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi, rivolgendo le richieste con l’invio di un messaggio all’indirizzo email 

oppure all’indirizzo email 
del responsabile del trattamento o al citato indirizzo di posta ordinaria.

Il trattamento dei tuoi dati personali, forniti a noi con l’iscrizione a questa newsletter, e’ finalizzato principalmente allo scopo di:

A – capire le necessita’ ed i bisogni che gli utenti potrebbero soddisfare attraverso i nostri prodotti e servizi;

B – sviluppare e offrire prodotti e servizi ai nostri utenti;

C – comunicare con i nostri utenti, informarli riguardo a novita’ ed aggiornamenti, prodotti e servizi disponibili forniti da noi o dai nostri fornitori.

Per conoscere meglio la mia Privacy Policy segui questo link.

Per conoscere meglio la mia Cookie Policy segui questo link.

4 – Anti spam policy

Siamo contrari a qualsiasi tipo di spam!

Non riceverai mai alcuna email da te non preventivamente richiesta!

Verifica il tuo consenso alla iscrizione alle newsletter con il controllo anti-spam.

Se ritieni di essere stato iscritto alle newsletter erroneamente o senza il tuo consenso, scrivi senza esitare a inserendo nell’oggetto controllo anti-spam.

Esamineremo subito i dati (indirizzo Ip, pagina di provenienza, etc.) di chi ti ha iscritto senza il tuo consenso e te li comunicheremo.

Per conoscere meglio la mia Anti-Spam Policy segui questo link.

5 – Cancellazione dai servizi

Se desideri non ricevere ulteriori omaggi, utili informazioni ed offerte speciali, puoi cancellarti dalle newsletter cliccando sullo specifico link che troverai sul fondo dei messaggi delle news oppure inviando un messaggio vuoto con oggetto remove agli indirizzi:

per cancellarsi dalla lista relativa al Corso Base sul Follow-up Marketing On Line;

per cancellarsi dalla lista relativa al Corso Avanzato sul Follow-up Marketing On Line;

per cancellarsi dalla lista relativa al Corso Base sul Blog Marketing;

per cancellarsi dalla lista relativa al Corso Avanzato sul Blog Marketing;

per cancellarsi dalle liste del gruppo E-mail Marketing Tips;

per cancellarsi dalle liste del gruppo Follow-up Marketing On Line Tips.

per cancellarsi dalle liste del gruppo Blog Marketing Tips.

per cancellarsi dalle liste del gruppo Social Media Marketing Tips.

La cancellazione sara’ immediata e definitiva!

6 – Cambio di indirizzo

Se devi cambiare l’indirizzo con cui ti sei iscritto puoi comunicarlo al seguente indirizzo di posta elettronica, inserendo nell’oggetto cambio indirizzo, e provvederemo quanto prima al suo aggiornamento:

7 – Gestione autonoma dei dati di iscrizione

Le informazioni che consentono all’iscritto di poter gestire autonomamente i suoi dati di iscrizione saranno portate alla sua conoscenza direttamente in ogni messaggio e-mail.

Con chi collaboro all’estero come affiliato

Con la sua offerta di server per qualsiasi esigenza ed i domini aperti in tutto il mondo per piu’ di 9.000.000 di siti web, Hostgator rimane, pur con i suoi limiti, uno dei piu’ avanzati fornitori di servizi di hosting e di housing.

Leggi di piu’ >>

arpReach e’ uno dei migliori e piu’ diffusi software autoresponder al mondo residenti su server remoto o self hosted.

Le sue funzioni sono estremamente efficaci per promuovere i tuoi prodotti e/o servizi con un follow-up di messaggi e-mail, strumento specifico del direct marketing, ma puoi benissimo creare i contenuti di una classica newsletter, integrata da un’ottima funzione di broadcasting.

Leggi di piu’ >>

Email Marketer

Interspire Email Marketer rappresenta uno dei potenti software autoresponder per email marketing.

Le sue funzioni principali non sono tanto quelle di direct email marketing quanto quelle che hanno lo scopo di organizzare campagne di e-mail marketing di breve durata.

E’ un softwarte specifico per la creazione di newsletter e per l’invio di messaggi in broadcasting.

Le funzioni di autoresponder sono molto ridotte, e tuttavia e’ dotato di alcune caratteristiche che lo rendono indispensabile per l’impostazione di split test, di marketing virale come la funzione dillo ad un amico e per dei veri e propri sondaggi di mercato molto efficaci.

Leggi di piu’ >>

OptimizePress, The King of WordPress Themes, rappresenta uno dei piu’ potenti ed al contempo piu’ economici temi per WordPress.

Ma quello che piu’ colpisce e’ la sua facilita’ d’uso rispetto a tanti altri temi.

Con OptimizePress puoi creare degli efficacissimi moduli di iscrizione, dei funnel di vendita che possono incrementare incredibilmente il tuo fatturato, ma puoi fare tanto altro.

Leggi di piu’ >>

DLGuard e’ un programma per costruire il tuo e-commerce, con un numero infinito di prodotti, per membership inespugnabili gratuite e a pagamento, per proteggere i tuoi download dai pirati, per offrire anche prodotti gratuiti, ma non per tutti.

Ad un prezzo veramente basso e con aggiornamenti annuali che costano proprio un’inezia, DLGuard rappresenta il meglio che puoi trovare senza spendere le cifre esorbitanti che potrebbe richiedere un software personalizzato.

Leggi di piu’ >>

UltraEdit e’ uno dei software piu’ completi che esista nel settore dei programmi di videoscrittura, con il quale puoi attingere ad ogni tipo di file per comporre i tuoi testi, per creare pagine web, per formattare pagine che possano essere identificate come validi sitemap anche per Google.

Una delle funzioni piu’ utilizzate e’ quella che ti consente di formattare con un clic un testo con righe che siano inferiori ad un certo numero di caratteri alfanumerici, per gli usi piu’ svariati.

Leggi di piu’ >>

Malwarebytes Premium

Una protezione contro i malware che non rallenta il tuo computer

Questo software leggero e discreto lavora in tandem con l’antivirus Windows Defender integrato del tuo sistema operativo Windows10 oppure da solo, su macOS, per garantirti una maggiore protezione contro le minacce in agguato su internet.

Leggi di piu’ >>

In cosa sono impegnato

I miei progetti

Oltre alla diffusione del mio brand Sergio Traversa – Follow-up Marketing On Line, alla promozione e vendita di prodotti software delle aziende, alle quali sono affiliato, alla promozione e alla vendita di servizi internet e grafica di Maja Internet Srl, mi accingo a intraprendere la strada del consulente per aziende in materia di Follow-up Marketing On Line.

Per una visione piu’ completa dei miei progetti clicca qui.

Iscriviti alla Membership di Sergio Traversa – Follow-up Marketing On Line!

Potrai scaricare gratuitamente gli ebook dei corsi quando avrai ricevuto via email tutte le lezioni che li compongono.

Per iscriversi clicca su questo link!

Una volta iscritto troverai i dati di iscrizione in una pagina automatica che si aprira’ subito dopo l’iscrizione!

In quella pagina troverai anche il link per accedere alla tua Membership, ma dopo aver inserito i dati nel modulo di Login.

Nota bene:

In quest’area della tua Membership potrai scaricare i tuoi e-book gratuiti solo quando avrai ricevuto tutte le lezioni dei corsi via e-mail.

Quindi e’ inutile che ti iscrivi alla Membership se non ti sei precedentemente iscritto ai corsi!

Avrai a disposizione per la tua Membership un totale di 4 pagine dove potrai prendere visione dei tuoi dati, fare il download degli e-book che saranno stati messi a tua disposizione, qualora ne ricorrano le condizioni, modificare i tuoi dati, ed infine uscire dalla tua Membership con il logout.

Per uscire dalla tua Area di Membership utilizza sempre questo link!

Quando vorrai riaccedere alla tua Membership clicca sul Login ed inserisci user (il tuo indirizzo e-mail) e password nel modulo che si aprira’.

Credits