12 giugno 2021

Capitolo XIV – Follow-up per altre strategie. Quinta lezione - Feedback e testimonial

Con un autoresponder potrai chiedere i feedback e i testimonial dei clienti soddisfatti.

Non c’e’ nulla di piu’ convincente e di piu’ prezioso dei messaggi di feedback e dei testimonial, ovvero delle esperienze positive dei tuoi clienti, contenti del tuo prodotto e/o servizio.

Attendi qualche giorno dopo il loro ordine e potrai sicuramente raccogliere i numerosi giudizi favorevoli di coloro che hanno apprezzato il tuo prodotto!

Dopo averli ottenuti, inseriscili nel tuo sistema di messaggi in sequenza e nelle pagine del tuo sito.

E non ti devi stupire se ti dico che con un autoresponder professionale potrai gestire la raccolta e la pubblicazione dei testimonial in modo totalmente automatico.

Capitolo XIV – Follow-up per altre strategie. Quarta lezione - Fornire istruzioni per l’uso

Crea un corso o anche un video corso, ed invialo con un autoresponder ai tuoi clienti, per fornire loro le istruzioni sull’uso del prodotto e/o servizio che hanno appena acquistato, o anche su come ottenere i migliori risultati dal loro acquisto.

I tuoi clienti saranno soddisfatti del servizio di assistenza automatizzato, che, come nei descritti nei precedenti casi delle faq, potrai fornire loro le risposte alle piu’ comuni domande.

E ricorda che i clienti soddisfatti, oltre ad acquistare in futuro, rappresentano un’insostituibile canale pubblicitario gratuito sempre in azione.

Capitolo XIV – Follow-up per altre strategie. Terza lezione - Fai conoscere i prezzi dei tuoi prodotti senza divulgarli sul web

Con un autoresponder potrai far conoscere i prezzi dei tuoi prodotti.

Se vuoi evitare che la concorrenza possa conoscere subito i tuoi prezzi, magari traendo informazioni direttamente dal tuo sito, un’ottima strategia e’ quella di inserirli in un messaggio del tuo autoresponder!

Basta creare un indirizzo email (mi raccomando di non inserirlo nel tuo sito web) per il tuo autoresponder, il quale fornira’ i prezzi dei tuoi prodotti, dopo aver ricevuto un messaggio vuoto dall’interessato.

In questo modo avrai a che fare con visitatori forse piu’ intenzionati ad acquistare che non a contattarti per avere delle semplici informazioni!

Anche perche’ chi e’ veramente interessato e serio ti dara’ facilmente il suo indirizzo e-mail, mentre chi non lo sia, ma vuole solo ottenere informazioni per spiare le tue mosse commerciali, di sicuro ti inviera’ un indirizzo e-mail composto da parole molto spesso strane ed inequivocabili sulla sua non serieta’.

Percio’ far conoscere i prezzi attraverso un autoresponder e’ estremamente sicuro ed efficace.

Capitolo XIV – Follow-up per altre strategie. Seconda lezione - Article Marketing

Hai intenzione di creare una campagna di article marketing?

L’article marketing e’ una strategia molto efficace perche’ ti da’ la possibilita’ di incrementare le visite al tuo sito.

Infatti questa e’ una classica strategia di viral-marketing, perche’ e’ sufficiente iniziarla e poi vederne propagati gli effetti in una continua ed automatica promozione della tua immagine!

Percio’ se vuoi distribuire i tuoi articoli per ricevere decine e decine di link e innalzare ulteriormente la tua posizione nei motori di ricerca niente di meglio allora che utilizzare un autoresponder professionale per distribuire i tuoi articoli.

Ecco come fare: crea la versione pdf dei tuoi articoli e distribuiscili come allegati dei tuoi messaggi autoresponder, ed invita i tuoi iscritti a ridistribuirli.

Devi solo consentire ai tuoi iscritti di utilizzarli sul loro sito o nelle loro riviste elettroniche o newsletter, con l’impegno a non modificare la tua resource box (ovvero trafiletto che spiega chi sei e che contiene un link verso il tuo sito).

Inoltre, in genere, chi gestisce una newsletter o una rivista elettronica, e’ sempre in cerca di nuovi contenuti da utilizzare.

Quindi approfitta di questa opportunita’ per contattare l’editore della rivista elettronica del tuo settore, al quale fornirai l’indirizzo e-mail del tuo autoresponder, con il quale, in modo automatico, potra’ ricevere l’elenco dei tuoi articoli e scegliere l’articolo preferito, tra quelli allegati.

Capitolo XIV – Follow-up per altre strategie. Prima lezione - Offerte di back-end

Forse pensavi che la funzione di un’autoresponder fosse solo quella di promuovere continuamente i tuoi prodotti e/o servizi ai tuoi visitatori, iscritti, clienti occasionali e fidelizzati?

Certo, quest’ultima e’ la funzione classica per usare un programma autoresponder!

Tuttavia se ne possono configurare molte altre, e molto creative: prova ad esaminare a fondo la tua stessa esperienza commerciale e vedrai che ne troverai di nuove!

Adesso te ne mostrero’ alcune tra le piu’ redditizie!

Innanzitutto, come abbiamo gia’ esaminato in precedente articolo, potresti proporre dei prodotti e/o servizi di back-end complementari a quelli gia’ venduti ad uno o piu’ clienti.

Ad esempio, se dei clienti hanno appena acquistato un libro elettronico, che tratti della costruzione di siti web, essi rappresentano un perfetto target, riguardo alla possibilita’ di vendere loro dello spazio web.

Quindi prova ad inviare, con la serie di follow-up, anche la promozione di un’offerta per dello spazio web, fornito dal miglior provider che conosci.

Successivamente potresti proporre allo stesso target, l’acquisto di un libro elettronico sul web design.

E così via!

Capitolo XIII - Follow-up e Affiliation Marketing. Quinta lezione - Come indirizzare i visitatori sui siti dell’affiliante

Ora pero’ devo segnalarti un punto particolare dell’affiliation marketing, che viene sovente trascurato, ma che invece e’ di fondamentale importanza, e dovrai tenerne conto se vuoi veramente incrementare il tuo business on-line!

E’ l’aspetto che concerne il come indirizzare i tuoi visitatori, nel momento in cui aderiscano al tuo suggerimento ed acquistino i prodotti che avrai promosso.

Ma e’ un punto che richiede molta riflessione e pazienza, e che cerchero’ di spiegarti e spero di averlo fatto in un modo molto semplice.

Supponiamo innanzitutto che tu non sia ancora in possesso di un software autoresponder professionale, e percio’ tu non abbia ancora un sistema di follow-up o di messaggi sequenziali.

Immaginiamo anche che tu ti sia affiliato, inserendo un link in una o piu’ pagine del tuo sito, alla pagina web di vendita di un e-book, realizzato da un famoso esperto di Web Marketing, l’affiliante, o nello spazio pubblicitario acquistato su di una rivista elettronica, o aderendo al programma Google AdWords.

Ogni volta che un tuo visitatore clicchera’ su quel link, sara’ reindirizzato alla pagina di vendita dell’esperto affiliante.

Se il visitatore acquistera’ l’e-book, tu potrai guadagnare una commissione.

Tuttavia l’affiliante, oltre a guadagnare da quella vendita, ricevera’ altri benefici dalla tua segnalazione!

E qui te li spiego, entrando nei dettagli!

Quando tu indirizzi il tuo visitatore al sito dell’affiliante, ed egli acquista il suo prodotto, se veramente l’affiliante e’ un esperto di Web marketing, avra’ certamente creato il sistema per ottenere l’autorizzazione dell’acquirente all’invio di successivi messaggi promozionali, magari con la richiesta di nome ed indirizzo email contestuale alla compilazione del modulo d’ordine, oppure, meglio ancora con l’utilizzo di una squeeze page, creata come abbiamo visto in un precedente capitolo di questo corso.

In tal modo nome ed indirizzo del tuo cliente entreranno a far parte della lista dell’affiliante!

Inoltre l’affiliante sara’ certamente dotato anche di un sistema di Follow-up Marketing, per inviare una serie di messaggi sequenziali o contatti successivi, per promuovere sempre e continuamente i suoi prodotti e/o servizi, o anche quelli per i quali si sara’ affiliato a sua volta, niente di piu’ facile!

Di conseguenza inviera’ i suoi follow-up promozionali al cliente che gli avrai indirizzato tu stesso.

Nei suoi messaggi inserira’ informazioni ed offerte relative a tanti altri prodotti e/o servizi e, molto probabilmente nei mesi successivi, quel tuo cliente, ne acquistera’ tre o forse anche di piu’.

Cio’ portera’ l’affiliante ad aggiungere un nuovo cliente fidelizzato alla sua lista, incrementando in tal modo i suoi profitti ed il suo successo, e questo grazie al tuo lavoro!

Ecco come una tale situazione comporti svantaggi solo nei tuoi confronti!

In primo luogo non ricaverai alcun guadagno da quelle vendite successive, nonostante si tratti di un tuo visitatore targettizzato!

Inoltre, sicuramente, quel cliente, sara’ stato talmente attratto dal sito dell’affiliante, che non ritornera’ piu’ sul tuo sito, ne’ clicchera’ piu’ sui tuoi messaggi inseriti in AdWords o nelle riviste elettroniche!

Vuoi veramente perdere il tuo tempo ed il tuo danaro investiti per ottimizzare il tuo sito allo scopo di essere in vetta alle classifiche dei motori dí ricerca, creando affari per altri?

Vuoi veramente indirizzare ì tuoi visitatori verso altri siti, perdendoli per sempre, solo per ottener una misera, unica commissione, per ciascun cliente indirizzato, quando il tuo scopo e’ quello di ottenere l’80% delle vendite dal 20% dei tuoi clienti?

Io non lo credo!

Ed e’ per questo che ti suggerisco che l’unico modo per trasformare i tuoi visitatori in clienti fidelizzati, che acquisteranno sempre e solo da te tutti i prodotti, per i quali ti sarai affiliato, e che non rischierai piu’ di perdere dopo una singola vendita, e’ quello di inserire i link al sito dell’affiliante nei tuoi messaggi del follow-up!

Ma come si puo’ fare?

E’ semplicissimo, basta compiere i seguenti passi:

- primo, devi creare una semplice pagina dove i visitatori possano iscriversi alla tua lista ed inserirvi un modulo di iscrizione oppure una vera e propria squeeze page, come quella che abbiamo ampiamente esaminato in precedenza;

- secondo, devi possedere un software autoresponder professionale per gestire la tua lista;

- terzo, devi creare il tuo sistema di follow-up marketing per inviare i tuoi messaggi sequenziali, magari nella forma di un corso, composto da piu’ capitoli, come quello che stai leggendo in questo momento;

- quarto, invece di inviare i tuoi visitatori con semplice un link, posto sul tuo sito, al sito che ti ha affiliato, fai in modo che essi pervengano direttamente alla tua squeeze page, o alla landing page di iscrizione alla tua newsletter e/o follow-up, dopo averle trovate nelle classifiche dei motori di ricerca.

Dai loro la possibilita’ di scaricare un omaggio in cambio dei loro dati personali.

Una volta che il tuo visitatore avra’ inserito nome e cognome nel modulo di iscrizione, egli verra’ a far parte della tua lista e del tuo sistema di follow-up marketing.

Dopo aver cliccato sui link di affiliazione, che tu avrai inserito nei tuoi messaggi in follow-up, il tuo iscritto potra’ entrare nel sito dell’affiliante, e magari acquistare il suo prodotto e tu guadagnerai una commissione.

Ma non solo!

Se continuerai ad inviare i tuoi follow-up a tutti i tuoi iscritti, avrai la possibilita’ di presentare nuove offerte, nuovi prodotti ed ulteriori promozioni, per tutti i prodotti per i quali ti sarai affiliato, e potrai incrementare il numero dei clienti fidelizzati, i tuoi guadagni ed il tuo successo!

In altre parole, se inserisci un link, nelle tue pagine web o in altre riviste elettroniche o in Google Adwords, al sito dell’affiliante, viene interrotto il contatto con il tuo sito, al quale sicuramente il visitatore potrebbe anche non voler piu’ accedere, essendo stato attratto dal sito dell’affiliante proprio in virtu’ del prodotto e/o servizio che avra’ acquistato, e magari anche indipendentemente da quel prodotto, con una semplice squeeze page!

Cerca invece di attirare il cliente alla tua squeeze page in modo che con la successiva iscrizione e con il sistema del follow-up avrai la certezza che, messaggio dopo messaggio, l’utente sara’ guidato attraverso i tuoi consigli, ad acquistare i prodotti dai siti verso i quali lo avrai indirizzato, ma la sua attenzione sara’ sempre rivolta alla tua immagine, a causa del costante ricevimento dei tuoi messaggi.

Infine, osservando le opportune cautele, senza spammare, potresti raccogliere i dati relativi alle aziende che rientrano nel tuo target, magari dopo averle visitate personalmente, ed inviare loro i messaggi attraverso il tuo sistema di follow-up marketing, creato con un software autoresponder professionale e impostando una lista di nominativi non acquisiti con un modulo di iscrizione (altra strada per creare una lista).

Ma cio’ che ti stupira’ e’ che tutto questo e’ semplicissimo da fare con con un software autoresponder professionale!

E adesso ti mostrero’ tutti i benefici che riceverai dall’avere inserito un sistema di follow-up marketing per le tue vendite di affiliato.

1)  Potrai promuovere il tuo nome ed il tuo marchio, incominciando subito a costruire le fondamenta del tuo futuro successo.

2)  I messaggi che invierai in follow-up potranno essere facilmente identificati come provenienti dal tuo dominio, e quindi non faranno altro che promuovere continuamente la tua immagine, mentre, come sappiamo bene, i servizi esterni di email marketing a canone mensile non te lo consentono, perche’ nell’indirizzo dell’autoresponder e’ contenuto il nome del servizio e non il tuo nome dominio.

3)  Un iscritto non dovra’ interrompere quello che sta facendo per andare a cliccare sul sito dell’affiliante, per vedere quello che propone.

Infatti l’iscritto potra’ accedere ai siti che gli avrai segnalato, quando lo vorra’, potendo visualizzare i tuoi messaggi con tutta comodita’.

4)  Potrai, con i tuoi messaggi o contatti successivi, vendere sempre e comunque e trasformare i tuoi iscritti in clienti fidelizzati!

5)  Potrai incrementare il tuo business ed il tuo successo invece di lavorare per incrementare il business dell’affiliante!

6)  La tua immagine nei confronti del cliente, sara’ piu’ forte rispetto a quella dell’affiliante!

E questo semplicemente perche’ i tuoi visitatori accederanno al sito dell’affiliante solo dopo che si saranno iscritti alla tua lista!

Infatti le motivazioni che l’affiliante dovra’ dare al cliente, che gli avrai indirizzato tu, per indurlo, dopo l’acquisto, a dargli l’autorizzazione all’invio di messaggi promozionali, e farlo divenire un suo iscritto, dovranno essere molto piu’ coinvolgenti, per riuscire a distoglierlo dalla tua immagine e dai tuoi suggerimenti per gli acquisti, e farne un suo cliente fidelizzato!

E poi a tuo vantaggio gioca un ultimo fattore: cioe’ che a parita’ di competenza e bravura nello scrivere delle pagine coinvolgenti, vige la regola del “primo arrivato, meglio accomodato!”

In sintesi puoi dire con certezza che una volta che un visitatore sia divenuto un tuo iscritto, sara’ piu’ difficile che diventi iscritto anche dell’azienda a cui ti sei affiliato!

E poi, tanto per fare un paragone, immagina di avere un’azienda commerciale off-line che rappresenta i prodotti di una casa madre: perche’ mai dovresti arrenderti e cedere il tuo cliente alla mandante?

Il cliente e’ tuo e devi importi ad ogni costo (commercialmente)!

A questo punto ritengo che tu sia pronto per iniziare a costruire il tuo successo attraverso una strategia di affiliation marketing!

11 giugno 2021

Capitolo XIII - Follow-up e Affiliation Marketing. Quarta lezione - Creare liste di prodotti altrui

Prova ad inviare ai tuoi clienti fidelizzati un follow-up di messaggi contenenti una o piu’ liste di prodotti, tra loro comunque complemenari, e che ritieni migliori nei rispettivi settori di appartenenza, come potrai approfondire nelle lezioni del prossimo capitolo su Follow-up e Vendite di Back-end.

I clienti utilizzeranno tali liste per conoscere la migliore risorsa in una determinata area di lavoro.

E per massimizzare i tuoi profitti cosa farai: invierai quelle liste solo dopo che ti sarai affiliato a tutti i prodotti piu’ rappresentativi per ciascun settore.

Quindi riempi le liste con i tuoi link di affiliato e vedrai moltiplicare le tue vendite ed i tuoi profitti.

 

Capitolo XIII - Follow-up e Affiliation Marketing. Terza lezione - Come comunicare le tue promozioni di prodotti altrui

Adesso ti daro’ alcuni consigli molto preziosi su come comunicare le tue promozioni!

Abbiamo gia’ esaminato questo argomento in modo approfondito in varie lezioni, ma data la sua importanza, ritengo che sia utile ripeterne i punti fondamentali.

Innanzitutto, se devi inserire della grafica o delle immagini cerca di ridurle al minimo indispensabile.

Non inserire mai nei tuoi messaggi di raccomandazione i soliti banner pubblicitari o le frasi che iniziano con “clicca qui”: ormai la gente non accetta piu’ di cliccare sui soliti formati che hanno l’apparenza di invadenti volantini pubblicitari, o consigli per gli acquisti dal tono troppo deciso, quando si tratta di evidenti informazioni pubblicitarie.

Ricorda inoltre che il “clicca qui” viene ormai compreso nelle liste delle frasi che possono attivare i filtri anti spam, con l’attribuzione di percentuali di rischio di blocco per spam, come, ad esempio, nei processi di analisi dei messaggi, compiuti da SpamAssassin!

Inoltre ti annuncio che la maggior parte dei software autoresponder professionali sono dotati di una funzione che consente il controllo dei contenuti dei tuoi messaggi, per verificare che non vengano attivati i filtri anti spam che possano bloccarli.

Questa funzione si basa sulle percentuali di rischio spam attribuite dal software SpamAssassin.

Ma, dicevo…che il banner ed il clicca qui per accedere a… non funzionano piu’, e a maggior ragione, se sono isolati totalmente dal contesto del messaggio.

E non sarebbero piu’ efficaci neanche se fossero inseriti in un contesto coerente con il tema principale trattato, perche’ comunque potrebbero dare l’idea di una stonatura nell’insieme del tuo discorso, oltre ad apparire come uno dei soliti invadenti volantini pubblicitari.

La cosa migliore che potrai fare e’ sempre quella di inserire il link in un contesto che sia sempre coerente con il problema principale, che possa essere risolto dal prodotto e/o servizio, per il quale ti sei affiliato.

Tuttavia dovrai parlare in un modo molto soft, quasi fosse un semplice suggerimento bisbigliato nell’orecchio del tuo interlocutore, come un consiglio dato confidenzialmente ad un amico.

Solo in tal modo potrai illustrare riguardo ai vantaggi e benefici che il tuo prospect potra’ ottenere da quel prodotto.

Inoltre sarai certo di ottenere degli ottimi risultati, perche’ quel suggerimento non assumera’ mai le sembianze di un messaggio pubblicitario freddo, invadente e noioso!

10 giugno 2021

Capitolo XIII - Follow-up e Affiliation Marketing. Seconda lezione - Verifica di un accordo di affiliazione proficuo

Adesso sai che l'affiliazione rappresenta la piu’ semplice e veloce scorciatoia per guadagnare on-line perche’ ti consente di risparmiare una gran mole di lavoro.

Infatti non dovrai complicarti la vita nel costruire siti e pagine web o nel creare i tuoi prodotti e/o servizi.

Dovrai avere un account collegato con la tua banca, o un account come Paypal per i pagamenti on-line, e/o le varie carte di credito!

In linea generale, se ti vengono pagate provvigioni dall’estero, nel caso in cui tu non raggiunga un ammontare di provvigioni di 5000 piu’ IVA, nel corso dell’anno, potrai agire in regime di procacciatore d’affari, mentre se la raggiungi dovrai avere la partita IVA o denunciare un’attivita’ on-line, perche’ le tue provvigioni per prodotti esteri venduti in Italia o all’estero, sono redditi tassati.

Se dal numero delle provvigioni a te pagate dall’estero (poiche’ potrai incassarle solo in banca) o in Italia, risultasse una tua attivita’ cospicua, allora sarebbe meglio che tu ti rivolgessi al tuo commercialista (ma se vuoi salvarti per sempre, potrai sempre creare la tua sede legale in altro paese piu’ conveniente, come ad esempio Malta), perche’ la materia e’ piuttosto complicata e non riuscesti mai a cavartela facendo ricerche su internet, dato che esiste un accordo specifico in materia, suggerito dall’ordine dei commercialisti, che di certo non vanno contro i loro interessi di casta.

Invece per le tue provvigioni per la vendita di prodotti italiani in Italia o all’estero, la casa madre italiana, in genere, potrebbe chiederti una semplice ritenuta d’acconto per la collaborazione occasionale, ma questo solo fino al momento in cui, nel giro di un anno, non inizi a guadagnare provvigioni oltre i 5000 euro piu’ iva.

Rivolgiti sempre ad un commercialista.

Quindi con l’Affiliation Marketing hai una grande opportunita’ per guadagnare on-line senza grande impegno.

L’Affiliation Marketing e’ uno strumento remunerativo di una semplicita’ assoluta, perche’ consente di suddividere il lavoro, (come l’iscrizione ad una lista o la vendita di un prodotto) per raggiungere un determinato risultato, tra affiliante ed affiliato.

Di solito e’ l’affiliante a sobbarcarsi la quasi totalita’ dell’impegno.

Mentre per l’affiliato e’ un compito veramente facile, perche’ non dovra’ creare un suo prodotto e/o servizio da vendere.

L’azienda affiliante ha sempre, oltre al prodotto, anche un sito web dove il suo prodotto viene presentato.

Un affiliato dovra’ solamente cercare di ottenere piu’ visitatori possibili e di indirizzarli al sito del commerciante affiliante oppure inserendo i link di affiliato nei suoi messaggi di posta elettronica, inviati ai suoi contatti.

L’affiliato sara’ poi compensato per ogni vendita, con una commissione in percentuale.

Percio’, normalmente un affiliato inserira’ nel suo sito i link per indirizzare i visitatori all’affiliante, oppure un modulo o una squeeze page, per iscrivere il visitatore ad una lista, al fine di inviargli uno o piu’ messaggi, anche in follow-up, contenenti i suoi link di affiliato.

Vedremo nel proseguo quale tra queste due alternative sia la migliore per massimizzare i propri guadagni dall’Affiliation Marketing.

Peraltro potrebbe accadere che, nonostante la semplicita’ dell’Affiliation Marketing e gli sforzi compiuti, non si ottenga alcun successo, cioe’ non vi siano vendite.

Questo, in linea di massima, puo’ dipendere da due cause principali:

1)  il produttore e/o venditore affiliante non sa scrivere una pagina di vendita di successo.

2)  l’affiliato non e’ in grado di individuare l’affiliante piu’ idoneo o non e’ in grado di ottenere dei visitatori.

Abbiamo visto che mentre l’affiliato dovra’ solo raccogliere i visitatori, l’affiliante ha il compito piu’ oneroso di trasformare in acquirenti i visitatori indirizzati dall’affiliato, e cio’ puo’ essere fatto solo in presenza di una buona pagina di vendita.

Tutto cio’ rappresenta la meta da raggiungere, come in un team ben organizzato ed affiatato.

Ma se un affiliato non riesce ad avere visitatori e/o l’affiliante non e’ capace di convertire i visitatori in acquirenti, perche’ non sa scrivere una pagina di vendita, entrambi non guadagneranno nulla!

Supponiamo che tu sia un affiliato che riceva molte visite, per cui potresti essere ambito da uno o piu’ affilianti.

Se questi non sanno scrivere la loro pagina di vendita, i tuoi sforzi di affiliato saranno nulli a causa della loro incompetenza.

Abbiamo visto che la vendita vera e propria viene conclusa dall’affiliante e cioe’ e’ lui ad essere deputato alla trasformazione dei visitatori in clienti.

Per fare questo l’affiliante si serve di una pagina di vendita che rappresenta lo strumento piu’ importante in un processo di marketing, perche’ ha lo scopo di vendere!

Se la pagina di vendita e’ stata creata con tutti i crismi necessari, vi sara’ un’alta percentuale di conversione di visitatori in acquirenti, quindi vi saranno piu’ vendite e maggiori saranno i guadagni dell’affiliante e dell’affiliato.

Ma se la pagina di vendita non funziona, l’affiliato non guadagnera’ nulla, nemmeno se, per ipotesi, venisse promesso il 100% di commissione!

Nel caso di investimenti promozionali, ad esempio con Google Adwords, l’affiliato non riceverebbe nessun ritorno economico dall’investimento in pay per click, perdendo tempo e danaro.

Per essere sicuri di guadagnare dall’Affiliation Marketing bisogna accertare che i prodotti che si vogliono promuovere siano supportati da pagine di vendita di alta conversione!

Una pagina di vendita e’ in grado di ottenere un’alta conversione da visitatori in acquirenti quando contiene:

1)  nell’intestazione una frase di impatto che catturi l’attenzione e susciti la curiosita’ dei visitatori;

2)  un sottotitolo con simile efficacia;

3)  delle soluzioni che chiariscano ogni dubbio, facendo leva sui benefici ottenibili dal prodotto, piuttosto che sulle sue caratteristiche tecniche, e che portino direttamente all’acquisto, e che siano contrassegnate da una serie di “bullet”;

4)  i testimonial dei clienti soddisfatti!

Se sono presenti tutti questi requisiti e’ molto probabile che si sia in presenza di una buona pagina di vendita ed allora potrai scegliere senza problemi di affiliarti per la vendita di quel prodotto.

Naturalmente potrai ricavare il tasso di conversione e calcolare il ritorno dall’investimento solo dopo aver promosso quel prodotto sul tuo sito o nei tuoi messaggi sequenziali in follow-up.

Capitolo XIII - Follow-up e Affiliation Marketing. Prima lezione - Vendita di prodotti di terzi

Come gia’ saprai, la maggior parte degli operatori on-line vende prodotti di altre aziende, quindi cio’ non dovrebbe assolutamente sorprenderti.

Cio’ normalmente accade anche nel commercio off-line.

Molto spesso il successo di un’azienda dipende dall’aver delegato la vendita di un prodotto ad una o piu’ aziende commerciali o ad una forza di vendita, interna alla sua struttura e composta da agenti o rappresentanti di commercio.

I prodotti altrui possono essere venduti a grandi linee in due modi anche nel commercio on-line:

A – acquistando una certa quantita’ di prodotti e rivendendoli, con l’assunzione del rischio delle rimanenze invendute ed accollandosi l’onere della consegna ed a volte anche dell’assistenza al cliente.

Questo modello di vendita di prodotti altrui consente di ricavare dei guadagni notevoli.

B – L’altro modello di vendita e’ quello dell’affiliazione, che nella piu’ classica delle ipotesi, consiste nell’inserire un link alla pagina di vendita del sito dell’azienda produttrice affiliante, in una o piu’ pagine del tuo sito web, o nella tua newsletter o follow-up, o acquistando dello spazio nella rivista elettronica preferita o partecipando anche al programma Google AdWords.

In questo secondo modello, il guadagno dell’affiliato consiste in una percentuale del prezzo di vendita, che rappresenta un profitto nettamente inferiore rispetto al modello precedente.

Tuttavia i compiti da svolgere sono molto, ma molto meno impegnativi!

Infatti l’azienda madre si accollera’, oltre alla produzione, anche la consegna, l’assistenza ed il rischio delle giacenze di magazzino.

Tu dovrai soltanto promuovere il prodotto, attraverso le tue segnalazioni on-line e…incassare le commissioni guadagnate!

Ti sembra difficile da fare?

Non credo che tu lo pensi!

E adesso rifletti un attimo: il modello off-line, di vendita di prodotti altrui, che si avvicina maggiormente a questo modello e’ quello dell’agente di commercio addetto alle vendite in un determinato territorio, per conto della ditta mandante!

Anche qui hai le stesse possibilita’ di guadagnare, e non hai i rischi e le incombenze della casa madre, ma hai dei costi di gestione rilevanti, come le spese di trasferimento via auto, etc.

Invece l’affiliazione on-line, comporta zero spese di gestione, che siano inerenti al settore di attivita’ di vendita, salvo il tuo tempo ed il sistema informatico di cui sarai gia’ dotato, comprensivo del tuo software autoresponder professionale autoresponder.

Quindi dovrai convenire come l’affiliazione sia uno dei sistemi piu’ redditizi ed al contempo piu’ semplici e meno onerosi per guadagnare on-line, considerando che non dovrai fare nient’altro che raccomandare i prodotti di altre aziende ai tuoi prospect, visitatori, iscritti alla tua lista, clienti occasionali e clienti fidelizzati.

Ed e’ proprio questo il modello di cui ti parlero’ nelle prossime lezioni.

Capitolo XII - Follow-up e assistenza. Seconda lezione - Assistenza e Frequently Asked Questions

Se hai creato un sistema di assistenza automatizzato, non solo potrai dare assistenza agli attuali clienti, ma potrai fornire risposte tempestive ai tuoi potenziali clienti per richieste di semplici informazioni, prima di decidersi ad acquistare.

E del resto e’ proprio così che funziona: in internet la gente e’ alla ricerca continua di informazioni e se queste sono immediate ed esatte, potrai conquistare clienti sempre piu’ soddisfatti e sicuri per il loro nuovo acquisto.

Inoltre avranno la certezza che, nel caso di un problema, sarai pronto e disponibile a dare l’assistenza che un cliente merita.

Prova ad immaginare cosa potra’ pensare il nuovo cliente:

“Wow, che servizio! E pensare che sono stato assistito in modo perfetto che non ero ancora un cliente, figuriamoci la soddisfazione che potro’ avere d’ora in poi!”

Invece l’incertezza e i rinvii possono solo farti perdere clienti su clienti, e concludere sempre meno vendite.

Il modo con cui organizzerai l’assistenza, le richieste di informazioni, le risposte ed i loro contenuti, rappresentera’ in modo evidente come tu gestirai i loro acquisti.

Fai capire che l’assistenza ai clienti e’ basata su di un sistema rapido ed efficiente.

Riduci ai minimi termini le perdite di tempo e le inutili azioni ripetitive giornaliere, in modo da far crescere il tuo business, invece di incontrare ostacoli in continuazione.

Talvolta il miglior modo per affrontare determinati ostacoli e’ proprio quello di evitare di crearteli da solo!

Inoltre piu’ farai crescere il tuo business e piu’ l’automazione ti fara’ risparmiare tempo.

La scelta di automatizzare i tuoi processi fin dall’inizio ti consentira’ di correggere gli errori e di fare le modifiche opportune, senza grossi intoppi.

Se invece la decisione di automatizzare fosse piu’ tardiva, eventuali disguidi potrebbero costarti molto di piu’ in perdite di affari, tempo ed energie.

Ma la cosa piu’ bella dell’automazione e’ che puoi impostarla con Email Marketer o arpReach, solo perdendo un’ ora o forse due, per inserire nel tuo sistema uno o piu’ autoresponder.

Un autoresponder potra’ rispondere automaticamente ad una qualsiasi richiesta inviata via e-mail ad un particolare indirizzo che avrai creato appositamente.

Ecco come potrai organizzare ed impostare il tuo sistema automatico di assistenza alla clientela, nel caso in cui vi sia, una richiesta di informazioni da parte di un potenziale cliente.

Un visitatore arriva al tuo sito e legge la tua lettera di vendita.

Egli potrebbe essere anche interessato al tuo prodotto, ma ha un problema che richiede una risposta, prima di poter procedere nell’acquisto.

Così egli decide di inviare un email all’indirizzo del tuo autoresponder, ad esempio, faq@tuodominio.com, cioe’ l’indirizzo magari creato proprio allo scopo di dare assistenza a chi e’ intenzionato ad acquistare un tuo prodotto.

La tua esperienza nel rispondere alle richieste dei tuoi potenziali clienti ha dimostrato che ci sono almeno dieci richieste simili che vengono fatte in continuazione.

Percio’, piuttosto che rispondere ad ogni richiesta individualmente, perche’ perderesti del tempo prezioso ed affogheresti letteralmente in decine e decine di risposte manuali, costruisci il tuo sistema di assistenza ai clienti, creando un elenco di FAQ, o frequently asked questions, o richieste di assistenza piu’ frequenti.

Poi inserisci questo elenco di faq in un massaggio del tuo autoresponder, così quando il potenziale cliente od un cliente inviera’ un messaggio di richiesta di informazioni, potra’ ottenere una risposta automatica.

Tutto questo e’ molto facile da fare con un software autoresponder professionale!

E dicevo che ti costa solo un’ora o poco piu’ di tempo per impostarlo, ma ti assicuro che potrai risolvere lo stesso problema, che si ripresenti ad un qualsiasi altro potenziale cliente, il quale soddisfatto per la risposta, decidera’, senza esitare, di acquistare il tuo prodotto e/o servizio.

Il messaggio che il richiedente ricevera’, potra’ avere il seguente contenuto:

*****************************************

Oggetto: risposta alla Vostra gentile richiesta. Buongiorno!

Siamo lieti di rispondere alla Vostra richiesta di informazioni e Vi siamo grati per averci contattati.

La nostra esperienza ci ha suggerito che la maggior parte dei problemi avuti con il prodotto XXZZ ricade nelle 10 ipotesi che potrete individuare subito in fondo al presente messaggio.

Abbiamo risposto immediatamente alla Vostra richiesta con il presente messaggio perche’ sappiamo perfettamente che il Vostro tempo e’ prezioso e vogliamo altresì assicurarci che la Vostra richiesta trovi una risposta nel piu’ breve tempo possibile.

Se il Vostro problema non trovasse soluzione nel presente elenco di casi risolti, non esiti a scriverci al seguente indirizzo info@tuodominio.com e saremo lieti di dare risposta ad ulteriori Vostre richieste.

Nome e cognome Responsabile dell’assistenza Azienda

TuoDominio

(Seguono sotto le dieci possibili risposte ai problemi piu’ comuni).

******************************************

Nel giro di pochi minuti dopo aver inviato l’email, il cliente riceve la tua risposta attraverso l’autoresponder.

Egli sara’ certamente impressionato, perche’:

-  Hai anticipato la sua richiesta.

-  Hai risposto al suo messaggio con rapidita’.

-  Hai risolto il problema dando la sua esatta soluzione.

-  Hai reso estremamente semplice la possibilita’ di fare ulteriori richieste via email.

E tutto questo non fara’ che rafforzare ulteriormente la tua un’immagine, dandole un carattere di elevata professionalita’.

Una risposta rapida rende la tua azienda credibile perche’ avrai dato l’impressione che i tuoi clienti ed i potenziali clienti siano la tua priorita’ e che svolgi il tuo lavoro in modo estremamente serio.

Il potenziale cliente acquistera’ il tuo prodotto e/o servizio?

Non dovresti avere alcun dubbio in merito!

Infatti la possibilita’ che hai di concludere la vendita sono sicuramente maggiori rispetto ad un’azienda che magari abbia fatto attendere il potenziale cliente per una settimana, prima di dare una risposta concreta.

O forse che non ha dato alcuna risposta.

Quanto tempo, risorse ed economie ha richiesto tutto cio’?

Siamo vicini allo zero.

Hai dovuto scrivere solo un’email e utilizzare un autoresponder per automatizzare il servizio per un potenziale cliente.

E potrai utilizzare un sistema identico per fornire assistenza agli attuali tuoi clienti, occasionali e fidelizzati!

Adesso potrai fornire un servizio di assistenza clienti di qualita’, che ti consentira’ di diminuire il tuo carico di lavoro ed avere la possibilita’ di rispondere direttamente di persona solamente a quei clienti o prospect che si siano imbattuti in problemi meno frequenti o in situazioni che richiedano la tua presenza.

Se invece non automatizzi il servizio di assistenza, perderai del tempo, forse dei giorni e…probabilmente anche affari e clienti!

Invece con un servizio di assistenza automatizzato ci vogliono solo pochi minuti per rispondere alla richiesta di un cliente o di un prospect, e quei pochi minuti non saranno nemmeno un fastidio a tuo carico, perche’ saranno delegati ai migliori assistenti digitali che esistano sul mercato: i software autoresponder professionali!

Riassumendo con un autoresponder professionale potrai creare una serie di domande e risposte, cioe’ le cosiddette FAQ (frequently asked questions) o domande piu’ comuni, fornendo un ulteriore servizio di assistenza per gli acquirenti di un particolare prodotto.

Potrai copiare l’elenco delle faq, che avrai inserito normalmente nelle pagine del tuo sito, direttamente in un messaggio del tuo autoresponder ed inviarlo a coloro che hanno bisogno di maggiori informazioni su di un prodotto o che devono risolvere un problema.

Oltre ai vantaggi di cui abbiamo gia’ parlato, e’ sempre necessario creare un servizio di assistenza con un autoresponder perche’ molto spesso e’ difficile trattenere i visitatori esclusivamente nel proprio sito web, allo scopo di far conoscere tutte le risposte che possono essere date alle loro domande.

E ripeto che in tal modo potrai alleggerire il lavoro di un eventuale servizio di assistenza on line, che potra’ essere utilizzato per risolvere i problemi piu’ urgenti e piu’ frequenti.

Capitolo XII - Follow-up e assistenza. Prima lezione – Automazione dell’assistenza

Esamino ora in questa lezione come utilizzare un autoresponder professionale per creare un servizio di assistenza per la clientela ed al contempo cogliere l’opportunita’ per instaurare una relazione duratura con un potenziale cliente attraverso un follow-up di messaggi.

Avrai forse sperimentato come talvolta l’avere un business on-line potrebbe rivelarsi una gigantesca iattura!

Sto parlando di quando il servizio di assistenza alla clientela e’ carente se non addirittura inesistente.

Anche nel caso di un business on-line la gente si aspetta un minimo di comunicazione, come la risposta ad un messaggio, inviato dopo la compilazione di un modulo, oppure un semplice messaggio di conferma relativo alle informazioni di rintraccio di un bene in consegna, etc.

L’automazione del servizio di assistenza ti consente di avere due grossi vantaggi:

- il risparmio di tempio;

- la costruzione di una relazione migliore e piu’ duratura con i clienti.

Ed una relazione migliore e duratura con la clientela significa avere dei clienti sempre piu’ soddisfatti e fidelizzati.

Tutto cio’ comporta dei benefici notevoli, sia dal punto di vista del tempo che puoi dedicare all’incremento dei tuoi affari, sia dal punto di vista dell’incremento degli affari stessi in termini di clientela, di passaparola, di immagine e di successo.

Secondo le statistiche, pare che il 75% degli operatori on-line non sappia neanche da che parte incominciare per dare assistenza ai clienti, e che solo una piccola percentuale abbia capito che e’ necessario incominciare ad automatizzare la soluzione della maggior parte dei problemi della clientela.

E questo provoca delle conseguenze negative: infatti se cerchi di fare il possibile per dare assistenza ai tuoi clienti, senza aver pianificato un minimo di organizzazione dell’assistenza on-line, sarai letteralmente sommerso di richieste via email, a cui rispondere, e non riuscirai a soddisfare nessuno.

In tal modo incomincerai a perdere sempre piu’ clienti, e con il passaparola negativo, ti accorgerai del vistoso calo dei tuoi affari.

Ugualmente incomincerai a perdere la fiducia della clientela se non organizzerai neppure un minimo di assistenza.

Una cosa e’ certa: se hai intenzione di sviluppare un business non potrai dedicare tutto il tuo tempo a rispondere ai reclami, specialmente se vorrai far crescere il tuo business molto in fretta!

E allora come fare?

Credimi, la risposta e’ piu’ facile di quanto tu possa immaginare, e sarai stupito per non averci mai pensato prima!

E’ proprio l’avere un business on-line cio’ che ti consente di automatizzare tutti quegli aspetti, che constano di decine e decine di azioni ripetitive giornaliere, incluso il servizio di assistenza ai clienti, che diversamente non riusciresti piu’ ad affrontare!

Ed il potere dell’automazione sta tutto in un programma autoresponder professionale!

Percio’ ecco che cosa potrai fare con un software autoresponder professionale:

1)  anticipare e rispondere istantaneamente alle richieste dei clienti, dando delle risposte precompilate, quando le richieste di assistenza siano sempre le stesse, per problemi molto comuni;

2)  dare ai potenziali clienti le informazioni esatte che essi vorrebbero ricevere proprio quando ne hanno bisogno e proprio quando sono pronti ad essere trasformati in clienti, perche’ sono intenzionati ad acquistare;

3)  catturare gli indirizzi email dei visitatori del tuo sito in modo da continuare a vendere sempre e continuamente con i tuoi follow-up;

4)  incrementare il valore percepito del tuo sito, offrendo articoli o brevi manuali di informazione e/o di istruzione su come utilizzare al meglio il tuo prodotto e/o servizio, che possano essere immediatamente inviati ai clienti ed ai prospect che ne facciano richiesta.