Visualizzazione post con etichetta Esempi pratici di follow-up: agente immobiliare.. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Esempi pratici di follow-up: agente immobiliare.. Mostra tutti i post

31 agosto 2021

Capitolo XVII - Esempi di Follow-up. Prima lezione - Primo esempio di follow-up

Fin qui ti ho descritto come l’utilizzo di una serie di messaggi di un follow-up rappresenti una tecnica infallibile per avere successo on line, mentre adesso passero’ ad alcuni esempi pratici di follow-up.

L’esempio piu’ classico e’ quello dell’invio di un mini corso di 4 o piu’ giorni su di un argomento di interesse.

Potresti inviare la prima lezione immediatamente e le altre in ciascun giorno successivo o in altri giorni.

Immagina di essere un agente immobiliare.

Hai creato un sito che contiene un vasto elenco di immobili in vendita e stai ricevendo molti visitatori e, magari, sei anche in prima pagina su Google.

E sai bene che ogni visitatore potrebbe essere potenzialmente interessato all’acquisto o alla vendita di un appartamento nella tua citta’.

Ma ti accorgi che i visitatori non verranno mai a contattarti per acquistare o per vendere un’abitazione o un ufficio.

Ed anzi, trovate le necessarie informazioni, molto probabilmente non ritorneranno piu’ sul tuo sito.

Infatti, dal momento che l’elenco degli immobili che hai sul tuo sito e’ gia’ un ottimo strumento di informazione, riguardo alle caratteristiche di ogni singolo immobile, essi non avranno alcun bisogno di contattarti direttamente, per telefono o via email.

Inoltre, anche se hai fornito un link ed un indirizzo email per farti contattare, fin’ora nessuno ti ha mai inviato una richiesta di informazioni.

E allora come fare per ottenere dei contatti redditizi?

Ricorda innanzitutto che i tuoi visitatori sono venuti sul tuo sito per una ragione ben precisa: avere l’immediato accesso alle informazioni che stanno cercando.

Percio’ devi trovare un modo per monetizzare questa esigenza.

Ecco quello che potrai fare: crea un mini corso, una guida in 4 o piu’ lezioni su come vendere ed acquistare un immobile in una determinata area urbana.

Ogni lezione dovrebbe contenere delle specifiche informazioni che la gente ha bisogno di conoscere prima di concludere un contratto di compravendita di immobili.

Poi invia ciascuna lezione attraverso i messaggi sequenziali del tuo autoresponder e soddisferai il bisogno di immediate informazioni dei tuoi visitatori.

Stai pur certo che la prima lezione sara’ di grande impatto perche’ arrivera’ immediatamente dopo l’iscrizione del tuo visitatore!

I tuoi messaggi con le lezioni successive, continueranno a trasmettere la tua immagine ed il tuo nome.

Il processo di invio andra’ avanti, costruendo la tua credibilita’, passo dopo passo, ed il tuo visitatore ricevera’ le tue preziose informazioni nei giorni successivi.

Quanti altri agenti immobiliari delle tua area pensi che stiano offrendo o possano offrire un corso simile?

Forse nessuno.

E quelli che vorranno imitarti, credimi, faranno molta fatica ad essere completamente originali: i visitatori si accorgeranno sicuramente che tu sei stato l’ispiratore di tutta una serie di report sull’argomento, e la tua immagine ne avra’ un gran beneficio.

Per ottenere il massimo dei risultati ecco come dovrai impostare la serie dei messaggi sequenziali.

Primo giorno.

Il visitatore inserisce i suoi dati nel modulo, posto sul tuo sito, ed immediatamente riceve la prima lezione, ad esempio, su come evitare di iniziare trattative per l’acquisto di un immobile troppo ambito da piu’ concorrenti acquirenti.

Secondo giorno.

L’iscritto riceve la seconda lezione sulle dieci bugie piu’ utilizzate dagli agenti immobiliari della zona.

Terzo giorno.

La lezione verte sul “Quando e’ il momento per vendere e quando il momento per acquistare un immobile”.

Quarto giorno.

Se avrai fornito delle informazioni veramente interessanti, posso garantirti che i visitatori saranno ansiosi di ricevere il quarto ed ultimo messaggio, che potra’ vertere sull’argomento “Come scegliere il miglior agente immobiliare”.

Questo rappresentera’ il punto focale del tuo corso, con il quale potrai mostrare la tua competenza nel settore, e riferire esattamente perche’ dovrebbero fare affidamento su di te, piuttosto che su altri agenti immobiliari concorrenti.

Il vantaggio di aver impostato un autoresponder per gestire i tuoi contatti e’ che una volta che l’avrai creato ed azionato, funzionera’ completamente in automatico.

E non dovrai pensarci piu’ per un bel po’ di tempo!

Dovrai solamente attendere gli squilli del telefono o guardare la posta elettronica.

Inoltre tutto cio’ ti sara’ costato solo qualche ora di lavoro, praticamente nulla!

Naturalmente se avrai inviato un corso del genere, attraverso un follow-up, dovrai testare e tenere traccia dei risultati originati da ogni singola lezione.

Ad esempio, se hai creato un corso di sette lezioni, dove in ogni messaggio hai inserito l’offerta per un info-prodotto, devi essere in grado di tenere traccia delle vendite generate da ognuna delle sette lezioni.

Testando e tenendo traccia dei risultati potrai verificare quale lezione stia generando piu’ vendite e quale sia quella da modificare, perche’ non ne genera in quanto e’ quella meno aperta dai lettori.

Supponiamo che questo corso di 7 lezioni abbia generato un certo numero di vendite e che, verificando le statistiche, tu abbia riscontrato che le prime quattro vendono di piu’ e, tra quelle che vendono meno, l’ultima non abbia generato alcuna vendita.

Cio’ significa solo che gli iscritti perdono interesse nei contenuti delle ultime lezioni e che non le leggono.

E se non le leggono o se le cestinano, anche le tue future promozioni potrebbero fare la stessa fine.

Allora, per rimediare potresti condensare il tuo corso in quattro lezioni, anziche’ 7, oppure modificare i contenuti non attraenti e verificare l’efficacia delle modifiche, svolgendo con un software autoresponder professionaleun’operazione di split testing e suddividendo i tuoi iscritti in almeno due liste.

Alla prima lista invierai il corso come era in origine, mentre alla seconda invece dovrai inviare il corso con le modifiche.

Se la seconda versione produce dei risultati migliori rispetto al corso originario, potrai stabilire, una volta per tutte, la soluzione migliore per avere un ritorno piu’ redditizio dalle tue promozioni inviate con le lezioni del corso.

In tal modo non rischierai piu’ di annoiare i tuoi iscritti con informazioni indesiderate e potrai avere, al prezzo di poche cancellazioni dalla tua lista e conseguenti ai tuoi test, migliori risultati in termini di visite, iscrizioni e vendite.