Visualizzazione post con etichetta Valide ragioni che impongono di creare una newsletter. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Valide ragioni che impongono di creare una newsletter. Mostra tutti i post

17 settembre 2021

Capitolo XVIII. Come creare e gestire una newsletter. Terza lezione - Perche' e' necessario creare una newsletter

Ci sono alcune valide ragioni che ti impongono di creare una newsletter che sia veramente informativa, di qualita', ben scritta ed impaginata, secondo i canoni generali, che ho gia' avuto modo di delineare per i follow-up di direct marketing.

Tra di essi ve ne sono alcune che sono specifiche per la newsletter e che ti mostrero' adesso, cercando si evidenziare la loro stretta connesione con la newsletter, rispetto a quelle che sono in comune con il follow-up di direct marketing.

Come nel caso del follow-up di direct marketing, attraverso il link inseriti nei messaggi, hai la possibilita' di di ottenere un ottimo traffico di visite, allo scopo che cio' possa anche essere rilevato da Google, e cio' comporta un effetto moltiplicatore delle visite sul tuo blog, sia da parte di utenti che compongano le tue liste sia dai navigatori di internet, che siano totalmente interessati ai tuoi contenuti.

Una newsletter ti consente di essere sempre in contatto con i tuoi iscritti, in modo che il tuo blog non sia mai dimenticato.

Infatti, e lo vedrai piu' avanti, in un'altra lezione, dove esaminero' ancora il delicato compito di impostare numero e frequenza dei messaggi nel diverso ambito della newsletter, allo stesso modo con il quale ho affrontato lo stesso tema nel caso dei follow-up di direct marketing.

A differenza di un follow-up di direct marketing, una newsleytter e' in grado di far prcepire agli utenti la tua professionalita' in quanto, pur essendo uno strumento gratuito, in ogni caso mostra che stai dedicando il tuo tempo ai tuoi utenti, ed in tal modo il tuo tempo sara' sempre considerato una risorsa di un certo valore, che tu stai investendo, mentre nel follow-up di direct marketing lo scopo principale dei tuoi messaggie e' essenzialmente quello di vendere, sempre con le dovute cautele del caso.

A differenza di un follow-up di direct marketing, i cui contenuti, come ho avuto modo di evidenziare in precedenza, sono evergreen, una newsletter aggiorna costantemente i destinatari relativamente ai contenuti innovativi del tuo blog e relativamente  a cio' che stai per pubblicare (come invito ad attendere l'uscita dei nuovi articoli - vedere l'effetto Zeigarnik), oppure con riferimento a cio' che hai appena o gia' pubblicato.

Sotto un profilo strettamente di marketing, sempre a differenza di un follow-up di direct marketing, una newsletter, e cio' anche se con essa non vendi nulla, ti consente di diffondere il tuo brand come un virus inarrestabile, perche' da' visibilita' alle tue promozioni, alle tue pubblicazioni, ed anche ai tuoi corsi non evergreen, e a tanto altro.

Come un follow-up di direct marketing, una newsletter e' uno strumento a costo zero, salvo il tuo tempo, ma che ti consente eventualmente di realizzare delle entrate come se fosse un follow-up di direct marketing, ma differenziandosi dallo stesso per il minore impatto in termini di azioni da compiere, di funnel marketing e di reclame verso i tuoi utenti.

Infine come i follow-up di direct marketing ti da' la possibilita' di ottenere dei risultati tracciabili in tempi molto brevi, in modo che ti sia consentito di controllare l'efficacia dei messaggi, anche allo scopo di implementare possibili modifiche.

Tieni presente che un qualsiasi massiccio invio di campagne di email marketing deve essere sempre anticipato dall'invio di due serie di messaggi con oggetto diverso e/o contenuti leggermente diversi, a diversi target piu' limitati, cioe' contenenti un esiguo numero di destinatari, in modo da utilizzare per l'invio massiccio il messaggio che abbia ottenuto i migliori risultati in termini di aperture, clic through, eventuali vendite, etc.

Questo sistema di verifica viene chiamato split testing.